AnimaliRifiuti

Mascherine monouso trappole letali per gli animali: un gabbiano non riusciva più a volare

Condividi

Abbandonare mascherine monouso per strada e non smaltirle correttamente, oltre ad inquinare, metti in pericolo gli animali. La storia di questo gabbiano è solo uno degli esempi del rischio che si corre.

Le mascherine, necessarie come misure di sicurezza contro la diffusione del covid-19, si trasformano in trappole mortali per gli animali se abbandonate per strada e non smaltite in maniera corretta. Questa è la storia di un gabbiano che con le sue zampe è rimaste intrappolato nell’elastico di una mascherina monouso per circa una settimana. E’ stato notato mentre lottava per camminare a Chelmsford, una città dell’Inghilterra, capoluogo della contea dell’Essex, dal personale di un autosalone. 

Minambiente presenta campagna sul corretto smaltimento di guanti e mascherine

Il personale della compagnia automobilistica di Argyll Road ha chiamato l’ente benefico RSPCA  perché il gabbiano era rimasto seduto “nello stesso punto per ore e non sembrava muoversi“, dopo giorno.  “È chiaro che la maschera era lì da un po’ di tempo e le cinghie elastiche si erano strette intorno alle gambe mentre le sue articolazioni erano gonfie e doloranti“,  ha detto l’ispettore dell’RSPCA Adam Jones.  Il gabbiano è stato portato all’ospedale di South Essex Wildlife dove il personale ha tagliato la mascherina.  “Per fortuna, il gabbiano sta meglio e viene monitorato da vicino“, ha dichiarato Jones.

Covid-19, quanto tempo impiegano mascherine e guanti a decomporsi?

Ma l’ente benefico ritiene che “ora le maschere facciali sono obbligatorie per molte situazioni, ci saranno sempre più smaltimenti irresponsabili e gli animali selvatici e gli uccelli si aggrovigliano nelle cinghie elastich. Sono preoccupato che questo gabbiano potrebbe essere la prima di molte vittime“, ha aggiunto Jones.

Coronavirus, guanti e mascherine sui fondali della Costa Azzurra in Francia

(Visited 67 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago