AttualitàInquinamentoRifiuti

Mascherine, l’impatto devastante su mari e oceani: miliardi di dpi dispersi nell’ambiente

Condividi

Da oltre un anno siamo costretti a convivere con la pandemia e ad utilizzare le mascherine. L’impatto ambientale, però, è devastante: ogni mese, in tutto il mondo, sono 129 miliardi le mascherine che vengono gettate, la maggior parte delle quali non smaltite in modo corretto.

Per fronteggiare il contagio del SARS-CoV-2, tutto il mondo da oltre un anno ha imparato ad utilizzare le mascherine e altri dispositivi di protezione individuale. Si stima che in tutto il pianeta, in un mese, vengano utilizzati e gettati ben 129 miliardi di mascherine, che spesso vengono smaltite in maniera scriteriata: gettate a terra, a causa degli agenti atmosferici come pioggia e vento questi dpi vengono trasportati nei canali di scarico per finire poi nei corsi d’acqua e nel mare.

Coronavirus, la provocazione degli ambientalisti: “Più mascherine che meduse nel Mediterraneo”

Anche a causa della loro struttura, le mascherine si decompongono solo dopo secoli. E finiscono, inevitabilmente, per unirsi alle tonnellate di plastica presenti nei mari. Le conseguenze sull’ambiente e sulla fauna marina sono devastanti: come già accade per la plastica, le mascherine possono essere ingoiate dagli animali acquatici che le scambiano per meduse o anche incastrare, a causa delle cordicelle, altre specie. Come se non bastasse, se le mascherine rimangono sulla superficie dell’acqua, possono filtrare i raggi solari e influire sulla corretta crescita della vegetazione marina.

Covid-19, quanto tempo impiegano mascherine e guanti a decomporsi?

Come riporta la NBC, in diverse spiagge degli Stati Uniti la quantità di guanti e mascherine ha superato quella dei rifiuti più ‘tradizionali’ come posate, bicchieri, contenitori e altri oggetti in plastica. La stima è inquietante: solo nelle coste degli Stati Uniti, tra l’oceano Atlantico ed il Pacifico, sarebbero più di un miliardo e mezzo i dpi dispersi in mare, per un peso complessivo di 6.500 tonnellate. Preoccupa anche un altro fattore sull’impatto ambientale: la composizione chimica delle mascherine, che potrebbe inquinare notevolmente le acque.

Mascherine biodegradabili che si trasformano in fiori e non contaminano l’ambiente

Per un corretto smaltimento delle mascherine occorre ricordare e seguire delle semplici regole fondamentali. Innanzitutto, le mascherine vanno gettate nei rifiuti indifferenziati. È necessario poi assicurarsi che i contenitori siano dotati di coperchio e ben chiusi, per evitare che il vento trasporti via le mascherine. Infine, per un ulteriore scrupolo, sarebbe bene tagliare le cordicelle, proprio per il fatto che gli animali rischiano di rimanere incastrati, con conseguenze sia sulla mobilità che sulla salute.

(Visited 33 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago