AttualitàSalute

Croce Rossa Italiana lancia ‘Redx-Mask’, la mascherina sicura e green

Condividi

La Croce Rossa Italiana lancia “REDX-Mask-Un’Italia che Aiuta”, una nuova mascherina sicura e ‘green’. Sviluppata in collaborazione con la Accyourate Group Spa, intende offrire una risposta certa ai molti quesiti sorti sulla effettiva validità dei dispositivi in commercio, anche a seguito del fenomeno delle false certificazioni, come recentemente riportato dalla stampa.

CRI conferma il suo impegno nella diffusione di buone pratiche, nuovi strumenti per la tutela della salute e per il miglioramento della qualità di vita, individuale e collettiva.

Il tutto, nel rispetto dell’ambiente. REDX-Mask infatti, è un dispositivo riutilizzabile.

Croce Rossa Italiana ha avviato, sin dal 2017, una collaborazione sui temi dell’innovazione delle tecnologie indossabili (wearable) con Accyourate Group spa e, nel 2020, tale accordo si è indirizzato allo sviluppo di una nuova gamma di mascherine sicure e sensorizzate (le Smart YousafeMask presentate a luglio 2020) ed entrate in dotazione al personale addetto alle ambulanze in biocontenimento.

Da quel know-how è nata l’esigenza di declinare tale prodotto in una versione che mantenesse i valori prestazionali di partenza, ma avesse un costo più accessibile.

Inquinamento, nonostante il Coronavirus non cala la presenza di CO2 nell’atmosfera

YousafeRedXMask è un device di protezione individuale, caratterizzato da elementi distintivi assoluti rispetto a ciò che offre oggi il mercato delle mascherine.

Lavabile con filtro a funzionamento meccanico intercambiabile, come autorizzato alla produzione e alla commercializzazione dall’Istituto Superiore di Sanità secondo gli standard UNI EN ISO 10993-1 con certificazione di TIPO II a norma UNI EN 14683:2019.

La nuova REDX si pone ai vertici della categoria negli standard di protezione, garantendo tuttavia un prezzo estremamente contenuto, una produzione totalmente Made in Italy e una totale sostenibilità ambientale.

“Siamo attenti da sempre ai bisogni delle persone – sottolinea Francesco Rocca, Presidente della Croce Rossa Italiana – alla salute, alle buone pratiche e al rispetto dell’ambiente. Questo innovativo dispositivo sanitario consente un’ottimale protezione dal virus e, grazie al brand riconoscibile, veicola il marchio della Croce Rossa, realtà in prima linea proprio nella lotta alla pandemia e sinonimo di partecipazione attiva al benessere collettivo. Ringrazio l’Accyourate Group Spa per essere al nostro fianco da tempo e per aver consentito ai nostri volontari l’utilizzo di importanti tecnologie indossabili ed ecnosostenibili”.

“La collaborazione con la Croce Rossa Italiana ci ha permesso, e ci permette, di orientare in chiave funzionale e di estrema praticità d’uso le nostre tecnologie indossabili che nascono anche grazie al contributo scientifico di 7 università Italiane – commenta Umberto Sgambati, Presidente del comitato medico-scientifico di Accyourate Group Spa – Il vero elemento distintivo della REDX-Mask è l’assoluta affidabilità dei componenti costruttivi e del processo di produzione, rigidamente e volutamente ‘Made in Italy’”.

“Dona un respiro”, un aiuto per i pazienti Covid negli ospedali brasiliani

YousafeRedXMask sarà disponibile per il personale di Croce Rossa, nella versione con i loghi istituzionali, mentre per il mercato dei privati con il logo REDX.

REDX-Mask delle mascherine REDX genera una donazione diretta alla Croce Rossa Italiana per sostenere le attività del volontariato in prima linea nella lotta alla pandemia.

La YousafeRedXMask è da oggi disponibile su due canali distributivi:

1)     Per il network Croce Rossa sui siti www.cri.it e  shop.cri.it , con il marchio  “Un’Italia che aiuta”.

2)     Per il mercato privati su www.redxmask.com con il marchio RedX. Attraverso una distributiva dedicata saranno a disposizione del mercato Corporate con l’ulteriore possibilità di essere personalizzate.

 

(Visited 40 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago