RomaVideo

Martinelli: “Il doppio volto di Roma durante la pandemia”. Intervista al direttore de “Il Messaggero”

Condividi

“Mettiamo a paragone i volti di chi si è vaccinato per primo, come Claudia Alivernini, a quelli che amano lo shottino la sera. Facciamo un appello al senso di responsabilità dei cittadini”. Un regime più restrittivo potrebbe dare il colpo finale all’economia della città”. Il direttore del quotidiano Il Messaggero, Massimo Martinelli disegna una città a due facce in un’intervista esclusiva a cura di Alessandro Di Liegro.

Roma ha un doppio volto. Il centro storico è colpito. Ci sono palazzi vuoti, sedi di aziende, che stanno in smartworking, e questo ha una ricaduta enorme sull’economia del Centro Storico – afferma Martinelli nelle periferie la vita è più animata. Le persone a casa fanno più la spesa, comprano più all’interno del loro quartiere. Si animano più i rapporti sociali”.

Roma, Fassina: “Servirebbe un’agenda condivisa da tutte le parti politiche”

E sul Recovery Plan: “Roma non è una città normale. Ha un ruolo internazionale riconosciuto e i suoi municipi sono grandi quanto città medio grandi del resto d’Italia. Il I municipio è grande quanto Firenze – prosegue – c’è chi pensa che addirittura i minisindaci debbano avere più poteri e più autonomia economia”.

Recovery Plan, De Santoli: “Deludente, carente di visione a lungo termine” VIDEO

(Visited 56 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago