Marevivo, le campagne estive 2022 in giro per l’Italia

Carmen Di Penta, direttrice di Marevivo, racconta a TeleAmbiente le campagne estive dell’associazione.

La cura dell’ambiente non va mai in vacanza, nel periodo estivo molte iniziative di sensibilizzazione sulla tutela dei mari hanno luogo lungo le coste del nostro Paese.

L’associazione ambientalista Marevivo è presente in diverse regioni italiane con delle campagne nazionali che mirano a
educare i cittadini sulle conseguenze di gesti sbagliati.

Adotta una spiaggia

La campagna Adotta una Spiaggia è valida 12 mesi l’anno, facciamo sì che quelli che vanno ad abitare la spiaggia durante l’estate la trovino in ordine.- spiega a TeleAmbiente Carmen Di Penta, Direttore Generale MarevivoAbbiamo fatto adottare delle spiagge e dei volontari in molte regioni: Toscana, Campania, Sicilia, Sardegna, Marche, Lazio, Puglia e Veneto. Abbiamo installato dei pannelli esplicativi. Quindi mi raccomando a tutti coloro che frequenteranno una spiaggi adottata Marevivo: se vedete un pannello avvicinatevi, vi spiegherà cos’è quella spiaggia e perché è importante adottarla”.

Per adottare la spiaggia del tuo cuore clicca QUI

Piccoli gesti, grandi crimini

“Si tratta di una campagna contro l’abbandono dei mozziconi di sigaretta, una campagna che facciamo da tantissimi anni e cerchiamo sempre di far capire che il problema non è sulla spiaggia perché quelle che troviamo in spiaggia sono arrivate dalla città attraverso il tombino. La campagna quest’anno visita Trieste, Salerno, Pescara e Viareggio“.

PFU Zero un progetto di Marevivo e Ecotyre 

PFU Zero è un progetto di Marevivo e Ecotyre, “una campagna che parla di riciclo. Non tutti i rifiuti sono rifiuti perché molti si chiamano risorsa, come in questo caso, ed è una campagna che facciamo da nove anni, affianchiamo i subacquei perché possiamo fare il ritiro dal mare e dalle isole ecologiche, il tutto viene trasferito nello stabilimento dove verrà riciclato perché lo pneumatico fuori uso potrà diventare un tappeto insonorizzante, asfalto o anche da gomma a gomma; una percentuale del prossimo pneumatico potrà essere ricavata dalla gomma che sarà stata riciclata.

Articolo precedenteBuchi sul fondale dell’oceano, il mistero che neanche la scienza riesce a spiegare
Articolo successivoLa Puglia ha il mare più bello (e più pulito) d’Italia per il secondo anno consecutivo