Riciclo e RifiutiTerritorio

Mare, parte il tour estivo del WWF ‘Spiagge #PlasticFree’. Oltre 100 località coinvolte

Condividi

Mare. È iniziato il Tour estivo del Wwf ‘Spiagge #PlasticFree’, la maratona degli eventi per liberare le nostre spiagge, calette e da quest’anno anche i fondali marini, dai rifiuti di plastica e microplastiche.

Si tratta di una grande azione di Citizen Conservation che coinvolgerà in oltre 100 località, volontari, cittadini, enti ed associazioni.

Operazione Mare Sicuro 2019, dal 1 giugno controlli in spiaggia

Chiunque, può scegliere la spiaggia o i tratti sott’acqua da ripulire grazie alla nuova community “Wwf Sub” di diving, drivers e semplici appassionati di subacquea.

Si può iscrivere il proprio evento sul sito https://www.WWF.it/spiagge_plastic_free.cfm o inviare la propria adesione a quelli già programmati che dalla prossima settimana riempiranno la Mappa.

Ai primi 50 eventi iscritti, l’associazione ambientalista invierà il kit speciale per i volontari (berretti, pettorine, bandierone, volantini informativi, guanti e sacchi per la pulizia).

Tartaruga ritrovata morta, la plastica in mare uccide ancora FOTO

Ai partecipanti, sarà poi chiesto di firmare (senza alcun obbligo) la petizione, presente sulla pagina del Tour, per un Accordo globale che liberi entro il 2030 la natura dalla plastica e condividerla sui propri social.

Il Tour spiagge #plasticfree inaugura anche la Campagna GenerAzioneMare 2019, nata due anni fa per difendere il Capitale Blu, un bene che vale globalmente 24.000 miliardi di dollari che l’economia del mare restituisce attraverso la pesca, l’acquacoltura, il turismo, l’istruzione, il commercio ma anche in servizi fondamentali come il “sequestro di carbonio” dall’atmosfera.

Plastica, quattro capodogli morti in meno di una settimana

La campagna, che durerà tutta l’estate, sarà articolati in eventi e iniziative ogni settimana diversi ma tutti dedicati ai vari aspetti della tutela del mare:

  • pesca sostenibile,
  • consumo responsabile delle specie ittiche
  • aree marine protette del Mediterraneo, in particolare il Santuario Pelagos
  • difesa di specie marine colpite dall’inquinamento della plastica o dal bycatch come tartarughe marine, cetacei, squali.

Gli eventi vedranno la partecipazione di volontari, istituzioni, celebrities, enti, comunità locali, pescatori, ma anche aziende.

Filo conduttore di tutti gli eventi, la lotta all’inquinamento da plastica in natura, un impegno che il WWF si è posto al livello globale, data l’urgenza e la dimensione mondiale del fenomeno.

Plastica, scoperta isola di rifiuti anche in Italia nel Mar Tirreno

La plastica rappresenta il 95% dei rifiuti del mare e ha dei primati incredibili di ‘resistenza’ nell’ambiente marino: un bicchiere resta in mare fino a 20 anni, una busta fino a 50 mentre un filo da pesca può durare fino a 600 anni.

Sono 134 le specie mediterranee che ingeriscono plastica tra cui cetacei, tartarughe, uccelli.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago