Attualità

Mare, Posidonia cala del 25%. Allarme in Toscana, Lazio, Liguaria, Puglia e Sardegna

Condividi

Mare. La superficie di Posidonia cala del 25% tra il 1990 ed il 2005 ed è subito ‘allarme fondali marini’ in Toscana, Lazio, Liguria, Puglia e Sardegna.

La colpa è degli ancoraggi selvaggi sotto costa, inquinamento, cambiamenti climatici ed eventi meteorologici estremi ne mettono a rischio la sopravvivenza.

“La grande attenzione mediatica per le enormi criticità a cui stiamo esponendo da decenni la salute dei nostri mari e coste  – spiega il ricercatore ed etologo, Fabio Ronchetti – spinge le persone alla scoperta degli habitat marini costieri”.

Anche per studiare meglio questo fenomeno in Sardegna nasce l’osservatorio della biodiversità: controllo e monitoraggio dei fondali e delle praterie di questa pianta, attraverso l’uso di strumentazioni video innovative, scienza ed educazione ambientale.

L’iniziativa parte da MareTerra Onlus Environmental Research and Conservation e dall’Area Marina Protetta di Capo Caccia e Isola Piana.

L’obiettivo è quello di unire turismo sostenibile e conservazione della natura.

“La stessa figura delle guide ambientali escursionistiche – aggiunge l’esperto – è fondamentale anche per la tutela di questi ambienti marini attraverso un’adeguata valorizzazione del turismo acquatico. Queste figure professionali giocano un ruolo fondamentale nel diffondere la cultura del rispetto e della tutela degli habitat marini costieri e favorirne la loro conservazione”.

Inquinamento, con il Ddl Salvamare più controlli alla nocività dei dissalatori

Cos’è la Posidonia:

Questa pianta acquatica, provvista di radici, fusto, foglie, fiori e frutti (e quindi non un’alga), fiorisce in autunno e in primavera produce frutti galleggianti volgarmente chiamati “olive di mare”.

Il genere Posidonia comprende diverse specie, tra le quali la Posidonia Oceanica, che a dispetto del nome trova suo naturale habitat nel Mar Mediterraneo.

Le altre specie sono invece diffuse nei mari dell’Australia.

La Posidonia Oceanica occupa un’area intorno al 3% dell’intero Mediterraneo (corrispondente ad una superficie di circa 38.000 km2), rappresentando una specie chiave dell’ecosistema marino costiero.

Vive tra 1 e 30 metri di profondità, e solo in acque eccezionalmente limpide fino ai 40 metri.

Sopporta temperature comprese tra i 10 ed i 28 gradi.

Si tratta di una pianta che necessità di valori di salinità relativamente costanti per cui difficilmente la troviamo nei pressi delle foci di fiumi o nelle lagune.

La Posidonia oceanica colonizza i fondali sabiosi o detritici ai quali aderisce per mezzo dei rizomi e sui quali forma vaste praterie ad elevata densità.

SunRazor 01, l’imbarcazione solare tutta italiana che monitorerà il nostro mare

Perché è così importante?

  • La prateria di posidonia costituisce la “comunità climax” del Mediterraneo, cioè rappresenta il massimo livello di sviluppo e complessità che un ecosistema può raggiungere. Il posidonieto è, quindi, l’ecosistema più importante del mar Mediterraneo. 1 ettaro di prateria può ospitare fino a 350 specie diverse di animali,offrendo riparo a pesci, cefalopodi, bivalvi, gasteropodi, echinodermi e tunicati.
  • La posidonia svolge un ruolo fondamentale nella produzione di ossigeno. Grazie al suo sviluppo fogliare infatti libera nell’ambiente fino a 20 litri di ossigeno al giorno per ogni m2di prateria.
  • produce ed esporta biomassa sia negli ecosistemi limitrofi sia in profondità.
  • consolida il fondale sotto costa contribuendo a contrastare un eccessivo trasporto di sedimenti sottili dalle correnti costiere.
  • agisce da barriera soffolta che smorza la forza delle correnti e delle onde prevenendo l’erosione costiera. 1 m2 di Prateria che regredisce causa l’erosione di circa 15 metri di litorale sabbioso.
  • le banquettes, strati di foglie morte sulla spiaggia, non sono “sporcizia” ma anzi, proteggono il litorale stesso dall’erosione attenuando l’azione delle onde, specie nel periodo delle mareggiate invernali.
(Visited 77 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago