AttualitàInquinamento

Mare, nel porto di Trani arrivano tre robot mangia plastica

Condividi

Mare. Arrivano nel porto di Trani i raccoglitori di rifiuti galleggianti. I tre Robot/depuratori mangia plastica sono stati installati nello specchio d’acqua del caratteristico porto di Trani, tra la darsena ed i pontili della Lega Navale dall’azienda di igiene urbana cittadina, Amiu spa, con la collaborazione dell’Amet (societa’ che gestisce la darsena di proprieta’ del Comune) e la sezione di Trani della Lega Navale.

“Si tratta di una tecnologia tra le primissime in Italia e, in particolare, nel Sud installata a tutela dell’ambiente e in particolare dello specchio marino del porto di Trani” – spiega l’amministratore unico di Amiu, Gaetano Nacci.

Microplastiche, dagli oceani alle coste trasportate dalla brezza marina

“L’apparato – aggiunge Nacci – effettua una decompressione naturale che crea una sorta di vortice, attraverso il quale vengono catturati i rifiuti presenti sulla superficie delle acque e convogliati all’interno di un retino che viene periodicamente svuotato da un operatore”.

I raccoglitori si occuperanno di raccogliere rifiuti galleggianti 24 ore su 24.

Plastica in mare? ci pensa Silver 2, il granchio robot amico dell’ambiente

“Grazie alla collocazione dei raccoglitori in mare – sottolinea il sindaco, Amedeo Bottaropuntiamo a migliorare sempre di più l’aspetto di uno dei uno dei luoghi simbolo della nostra citta’ e della nostra Regione”.

Plastica, ecco come le aziende produrranno bottiglie senza usare combustibili fossili

In questa maniera, spiegano dal comune, viene affrontato il problema dell’inquinamento in mare in aree controllate come i porti, dove non arrivano grandi onde o significativi rovesci ma a causa delle correnti approdano comunque i rifiuti e ristagnano in superficie. Il contenitore, sistema già sperimentato in Australia, è collegato ad una pompa che crea un flusso d’acqua con cui porta con sé rifiuti e detriti che vengono aspirati e rimossi.

(Visited 17 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago