Sette persone, tra cui un bambino di tre anni, sono morte avvelenate dopo aver mangiato carne di tartaruga marina. È accaduto in Tanzania, in una delle isole dell’arcipelago di Zanzibar.

Sette persone, tra cui un bambino di tre anni, sono morte avvelenate dopo aver consumato carne di tartaruga marina. È accaduto a Pemba, una delle isole dell’arcipelago di Zanzibar, in Tanzania. Altre tre persone sono ancora ricoverate in ospedale. In alcune zone della Tanzania la carne di tartaruga è considerata un alimento molto prelibato, ma in rare occasioni può risultare tossica a causa di un avvelenamento da cibo noto come chelonitossismo.

Animali, almeno 160 specie estinte durante l’ultimo decennio

La causa di questo particolare avvelenamento non è molto chiara, ma l’ipotesi principale della scienza è che possa essere dovuta ad un’alga di cui le tartarughe si nutrono che potrebbe essere molto velenosa per l’uomo. Come riporta la Bbc, il comandante della polizia locale, Juma Said Hamis, ha spiegato che i fatti risalgono a giovedì scorso, quando almeno cinque famiglie di Pemba si erano riunite per consumare insieme la carne di tartaruga.

Animali, l’allarme del Wwf: “Siamo nel pieno della sesta estinzione di massa”

I primi, drammatici effetti, si sono manifestati il giorno dopo, con un malore che ha colpito e stroncato un bambino di tre anni. Nelle 24 ore successive si sono registrati altri sei decessi.

Articolo precedenteAnimali, almeno 160 specie estinte durante l’ultimo decennio
Articolo successivoCesare Cremonini torna con il nuovo singolo “Colibrì”