AttualitàCulturaEconomia

Maneskin, i sosia della band nella pubblicità dei (falsi) prodotti italiani in Lettonia

Condividi

I Maneskin sono la band del momento e lo dimostra anche un clamoroso caso che arriva dalla Lettonia. I sosia della band romana sono infatti i protagonisti di una pubblicità di (falsi) prodotti italiani come la mozzarella e la pizza.

Prima la vittoria a Sanremo e poi quella nell’Eurovision per la definitiva consacrazione internazionale: i Maneskin sono davvero la band del momento. Lo dimostra anche un clamoroso caso che arriva dalla Lettonia, dove alcuni sosia della band romana sono i protagonisti di una pubblicità di (falsi) prodotti italiani come la mozzarella e la pizza. “Tik labi ka italija frormagia mokarellas siers padara visu labaku!…. pat saldetu picu” (“La mozzarella Formagia buona come quella italiana rende tutto speciale!….Anche la pizza surgelata“), lo slogan della campagna.

ITA0039, l’app per segnalare i prodotti falsi e tutelare il Made in Italy

Lo sfruttamento dell’immagine dei Maneskin, tra l’altro non autorizzato, può presupporre azioni legali sullo sfruttamento indebito dei diritti di immagine. Ad ogni modo, la pubblicità con i sosia della band romana all’estero fa capire la dimensione del successo internazionale dei Maneskin: questo ‘privilegio’, in passato, era capitato tra gli altri anche alla regina Elisabetta e a Donald Trump.

Foodchain, la piattaforma che traccia i prodotti dall’origine al consumatore finale

Come se non bastasse, la pubblicità risulta particolarmente ingannevole anche per un altro motivo: il cosiddetto ‘italian sounding‘, che avviene quando un’azienda straniera commercializza beni non ‘Made in Italy’ inducendo i consumatori a credere che si tratti di prodotti tipici italiani.

(Visited 84 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago