Italpress

Mancini “Vogliamo chiudere il girone in testa”

Condividi

ROMA (ITALPRESS) – “Dobbiamo continuare a giocare come abbiamo sempre fatto, essendo offensivi e facendo le cose al meglio. E’ una gara importante, vogliamo chiudere il girone in testa. Sappiamo che sarà ancora più difficile perchè giocheremo alle 18 e farà ancora più caldo”. Così il ct della Nazionale, Roberto Mancini, ai microfoni di Sky Sport, alla vigilia dell’ultima sfida del girone A di Euro2020 contro il Galles. Nell’undici azzurro, già qualificato per gli ottavi, ci sarà certamente qualche cambio: “Sarà la terza partita in dieci giorni, le prime sono state particolarmente dispendiose e c’è qualche giocatore stanco – sottolinea il mister dell’Italia – Questa, probabilmente, è l’unica gara in cui possiamo fare qualche cambio, perchè poi le altre saranno decisive. Ma sappiamo che il risultato non cambierà”. Tanta attesa per Verratti e Chiesa: “Chiaramente Marco non ha la condizione fisica di chi ha sempre giocato, ma sopperisce con straordinarie qualità tecniche. Sicuramente giocherà, vediamo se dall’inizio o subentrando. Federico può giocare in tutti i ruoli d’attacco, non da centravanti ma sicuramente anche da punta esterna – conclude il ‘Manciò – che è la sua posizione naturale”.
(ITALPRESS).

(Visited 9 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago