Breaking News

Maltrattamento degli animali, la proposta di legge del M5S

Condividi

Animali. Arriva la proposta di legge del Movimento 5 Stelle contro il maltrattamento degli animali. Presentata dai ministri Costa, Bonafede e Grillo. I termini della proposta: pene più severe, aumento delle fattispecie penali e introduzione di nuovi reati, inoltre nuove disposizioni per la caccia. L’obiettivo: “far diventare oggetto della tutela direttamente l’animale e non più l’uomo legato” ad esso.

 

Arriva la proposta di legge del Movimento 5 Stelle, contro il maltrattamento degli animali. A presentarla i ministri pentastellati Sergio Costa, dell’ Ambiente, Alfonso Bonafede, della Giustizia e Giulia Grillo, della Salute.
Il ministro costa ha annunciato, sulle sue pagine dei social Twitter e Facebook,  la conferenza stampa in cui sarà illustrato il disegno di legge. Nei post una foto di sé con il cane Greta, in uno scambio di sguardi che svelato dallo stesso ministro: “Quando penso al rapporto tra uomo e animale penso a questo sguardo, ma ahimè non è sempre così”.

End the Cage Age, settimana di mobiltazione contro l’allevamento in gabbia VIDEO

Il ministro Costa a Milazzo, sullo sfondo lo scheletro del capodoglio Siso

I TERMINI della PROPOSTA DI LEGGE

Sul “blogdellestelle“, in un articolo di Gianluca Perilli, la proposta viene presentata come: “Una legge per dar voce a chi non ha voce”, avente come obiettivo fondamentale quello di “attuare una semplice rivoluzione concettuale: far diventare oggetto della tutela direttamente l’animale e non più l’uomo legato emotivamente o sentimentalmente allo stesso”.
Tre le direttrici su cui si snoda la legge che i 5Stelle puntano ad far approvare in Parlamento: aumento delle pene, ampliamento delle fattispecie penali esistenti, introduzione di nuovi reati. E poi la menzione a una importante modifica al codice di procedura penale e a nuove disposizioni sulla caccia.

Animalisti in piazza per chiedere la riforma del Codice civile. “Da oggetti a soggetti”. VIDEO

AUMENTO delle PENE

  • Per chi uccide barbaramente gli animali
    Reclusione non pù da un minimo di 4 mesi a un massimo di 2 anni, ma da un minimo di 1 anno ad un massimo di 5;
    Multe da 5 mila a 50 mila euro.
  • Per chi li abbandona
    Reclusione
     non più fino ad 1 anno, ma fino a 3 anni;
    Multe fino a 25 mila euro.
  • L’aggravante del delitto di spettacoli o manifestazioni vietate
    Aumento di pena della metà per chiunque organizzi, partecipi o finanzi manifestazioni che comportino sevizie o soprusi a danno degli animali in relazione all’esercizio di scommesse clandestine o al fine di trarne profitto ovvero nel caso in cui derivi la morte dell’animale.

Cuccioli di leone in condizioni disperate scoperti in un centro di riproduzione FOTO

AMPLIAMENTO delle FATTISPECIE PENALI ESISTENTI

  • Uccisione di specie protette
  • Aggravante in caso di furto di animale domestico

Salsicce avvelenate per abbattere due milioni di gatti

INTRODUZIONE di NUOVI REATI

  • Bocconi avvelenati (al momento non costituisce reato)
    Reclusione da 6 mesi a 4 anni;
    Multe fino a 25 mila euro
  • Distruzione di habitat
    Reclusione da 6 mesi a 3 anni

Circo, niente più animali nel Regno Unito. E in Italia?

MODIFICA al CODICE di PROCEDURA PENALE
Una modifica per conferire il potere a ufficiali e agenti di polizia di arrestare chiunque sia colto in flagranza di reato per tutti i delitti commessi ai danni degli animali.

Lupi, fine della caccia. Nuovo Piano di conservazione dal Ministero dell’Ambiente

CACCIA
Inasprimenti di pene anche per quanto riguarda il settore della caccia e l’eliminazione della possibilità di ricorrere all’oblazione, (pagamento di una somma prestabilita) per l’esercizio della caccia nei periodi di divieto generale, per l’abbattimento, la cattura o la detenzione di mammiferi o uccelli appartenenti alle specie protette. Ma anche per chi esercita l’uccellagione (ovvero l’impiego di dispositivi fissi finalizzati alla cattura indiscriminata e di massa della selvaggina volatile), per chi va a caccia nei periodi di silenzio venatorio o lo fa da postazioni vietate (autoveicoli, natanti, aeromobili).

Caccia, Lipu: “Colpite specie a rischio, competenza passi a Ministero Ambiente”

Come sottolineato dal Ministro Costa nel suo post: “Lo avevamo promesso: il 2019 sarebbe stato l’anno della tutela degli animali”.

 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago