Attualità

Maltempo, doppia frana nella Costiera Amalfitana. Cetara isolata

Condividi

Maltempo. Doppia frana nella Costiera Amalfitana.

Due frane, una nord e una a Sud hanno impedito i collegamenti viari lasciando Cetara isolata.

Una grande frana si è verificata sulla Strada Statale 163 nel comune di Amalfi, in località Vettica.

Il muro di contenimento di un terrazzamento prospiciente la sede stradale, alto all’incirca sette metri, ha ceduto sotto il peso delle abbondanti piogge delle scorse ore, con pietre e materiale franoso che hanno invaso la carreggiata al chilometro 27,500, ostruendo il passaggio veicolare.

Fortunatamente non c’è stato il coinvolgimento di persone e veicoli. In questo momento Amalfi è isolata dal lato di Praiano e Positano  verso Sorrento .

Sul posto sono giunti i Carabinieri della Compagnia di Amalfi diretti dal capitano Umberto D’Angelantonio.

In questo momento il traffico è interdetto tra Conca dei Marini ed Amalfi e ce ne vorrà per poter ripristinare la viabilità. Di conseguenza non saranno possibili i collegamenti tra Amalfi, Positano e la Penisola Sorrentina attraverso la 163 Amalfitana.

Il Comune di Cetara ha esortato tutti i cittadini a non allontanarsi dalle proprie abitazioni ed invitando i titolari di tutte le attività commerciali a chiudere temporaneamente il proprio esercizio.

La situazione, stando a quanto si apprende da fonti della Prefettura, è sotto controllo.

Il sindaco del vicino Comune di Vietri sul Mare, Giovanni De Simone, ha messo a disposizione l’istituto A. Pinto come punto di accoglienza per tutti coloro che non possono rientrare, questa sera, a Cetara.

(Visited 199 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago