Il Nord del Paese è alle prese con violenti nubifragi che hanno fatto due morti in Toscana. Danni e feriti anche in Liguria ed Emilia-Romagna. Il video

Aggiornamento 18 agosto ore 17

La protezione civile nazionale ha fatto sapere che sulle regioni colpite nelle ore scorse da violenti temporali e raffiche di vento l’allerta resta alta fino a tutta la giornata di domani poiché resterà possibile lo sviluppo di nuovi temporali intensi anche a scala estesa.

“Tutto il nostro Sistema – spiega il Capo Dipartimento della Protezione civile, Fabrizio Curcio – segue con la massina attenzione il maltempo che nelle regioni centro-settentrionali ha provocato la perdita di vite umane e ingenti danni. Siamo in contatto con i territori coinvolti e le strutture operative sono pronte a dare il supporto necessario. Mi appello a tutti i cittadini affinché seguano le indicazioni delle autorità locali e le norme di autoprotezione”.

Tra qualche ora si riunirà l’Unità di crisi del Dipartimento della Protezione civile per fare il punto – insieme alle strutture operative e alle Regioni interessate – sull’evoluzione del maltempo, sulle criticità in atto e sulle azioni di prevenzione adottate dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento continuerà a seguire l’evolversi della situazione.



Il Centro-nord d’Italia è alle prese con violenti nubifragi che hanno già causato due morti in Toscana, diversi feriti e danni ingenti. La protezione civile ha lanciato, per le prossime 36 ore, un’allerta maltempo di colore giallo in tutto il Settentrione e arancione in alcune aree della Lombardia (Valchiavenna, Nodo Idraulico di Milano, Pianura centrale, Laghi e Prealpi Varesine, Lario e Prealpi occidentali, Orobie bergamasche).

A Venezia cadono pezzi del campanile di San Marco

Un forte nubifragio ha interessato, nel primo pomeriggio di oggi, la città di Venezia. Il vento forte, fino a 115 chilometri orari, avrebbe provocato il distaccamento di frammenti del campanile di San Marco che sarebbero caduti sulla piazza.  Le raffiche di vento sono state così violente da rovesciare i tavolini all’aperto e gli ombrelloni in piazza San Marco.

Maltempo, situazione critica in Toscana

La situazione più critica, al momento, è in Toscana dove si sono registrate raffiche di vento fino a 140 chilometri all’ora. Il vento forte ha sradicato gli alberi che sono finiti su automobili e case. Due le persone rimaste uccise: un uomo è stato travolto a Sorbano del Giudice, in provincia di Lucca, mentre una donna è stata colpita da un albero al Parco La Malfa a Carrara. A Lucca, i Vigili del fuoco sono intervenuti nel comune di Barga per soccorrere una persona al volante di un suv centrato da una porzione di tetto divelto dalla tromba d’aria.

Il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani ha scritto su Facebook: “Le conseguenze del maltempo di queste ore sono gravi con feriti e decessi, per questo ho attivato la procedura per dichiarare al più presto lo stato d’emergenza regionale e auspicabilmente quella nazionale. Ho appena parlato con Fabrizio Curcio, Capo della Protezione Civile nazionale per unire tutte le forze nell’aiutare le popolazioni colpite”.

Maltempo in Liguria, interrotta linea ferroviaria Genova – La Spezia

Anche la Liguria è alle prese con l’ondata di maltempo che ha fatto due morti in Toscana e diversi danni in tutto il settentrione. Il numero dei feriti ospedalizzati perché colpiti da oggetti volanti o alberi divelti è di 15 i pazienti soltanto nell’ospedale di Lavagna, nel levante genovese. Inoltre è stata sospesa la linea ferroviaria Genova – La Spazia a causa della violenta mareggiata che si è abbattuta sulla costa tra Chiavari e Sestri Levante. A Sestri Levante decine di auto sono state danneggiate dalla grandine e da tegole volate dai tetti.

“Continuiamo a monitorare costantemente l’evoluzione del maltempo in Liguria. L’allerta gialla che doveva concludersi oggi alle 15 è stata prolungata fino alla mezzanotte di questa sera e solo al termine potremo valutare l’ammontare dei danni”, ha fatto sapere tramite Facebook il presidente della regione Liguria Giovanni Toti.

Maltempo, allerta arancione a Milano 

In alcune aree della Lombardia, tra cui la città di Milano, la protezione civile ha emanato un’allerta arancione a causa dei forti temporali che si sono abbattuti sulla regione e che continueranno nelle prossime ore.

“A scopo cautelativo e anche in considerazione della lunga siccità degli ultimi tempi – fanno sapere dal Comune di Milano – i parchi recintati domani [oggi per chi legge, ndr] resteranno chiusi e si chiede ai cittadini fin da ora di porre attenzione e preferibilmente non sostare in auto o a piedi sotto gli alberi (in strada, nei parchi, nei cimiteri eccetera), in prossimità delle impalcature dei cantieri, di dehors e tende e in generale di tutti i manufatti che possono essere spostati dal vento. Si chiede inoltre di mettere in sicurezza oggetti e vasi su davanzali, balconi e spazi all’aperto. Il Centro operativo comunale (COC) della Protezione civile è attivo fino a chiusura dell’allerta per monitorare e coordinare gli eventuali interventi. È altresì attivo il piano per il monitoraggio di sottopassi e aree interessate da possibili esondazioni dei fiumi Seveso e Lambro. Si invitano i cittadini a seguire le indicazioni”. 

Ferrara chiede lo stato di crisi

Raffiche di vento fortissime anche a Ferrara dove una gru si è abbattuta su alcune villette a schiera e diversi alberi sono stati sradicati e sono finiti su auto e abitazioni. “Faremo pervenire alla Regione il censimento con la conta complessiva dei danni. Sollecitiamo alla Regione, insieme al sindaco di Bondeno, il territorio più colpito, il riconoscimento dello stato di crisi regionale”, ha detto il sindaco di Ferrara, Alan Fabbri.

Clima, caldo torrido al Sud

Mentre il Nord è alle prese con il maltempo, il Meridione fa i conti con un caldo africano che ha toccato i 40 gradi in diverse aree con picchi di 43 gradi in Sicilia.

Articolo precedenteFreya, una statua per ricordare il tricheco soppresso in Norvegia: la raccolta fondi
Articolo successivoElezioni, Calenda presenta il programma del Terzo Polo: cosa prevede su ambiente ed energia