Malesia, rispedisce tonnellate di rifiuti non riciclabili

“La Malesia non sarà la discarica delle nazioni ricche”, ha detto la ministra dell’Ambiente e il Cambiamento climatico malese Yeo Bee Yin. Quasi 3mila tonnellate di rifiuti di plastica non riciclabile verranno rispediti a Stati Uniti, Canada, Australia e Regno Unito.

La Malesia ha inviato un messaggio perentorio ai paesi occidentali attraverso le parole di Change Yeo Bee Yin, ministro di Energia, scienza, tecnologia, ambiente e cambiamenti climatici: “Non saremo più la vostra discarica“. La componente del governo ha preso posizione a Port Klang dopo l’ispezione compiuta in numerosi container di rifiuti e plastica. La Malesia spedirà indietro a Stati Uniti, Canada, Australia e Regno Unito quasi 3mila tonnellate di rifiuti di plastica non riciclabile.

Plastica, differenziata in Gran Bretagna finisce nella giungla malese FOTO

“La Malesia non sarà la discarica delle nazioni ricche, anche se siamo un piccolo paese, non possiamo essere vittime di bullismo da parte dei paesi sviluppati”,  ha dichiarato Yeo Bee Yin. Per fa comprendere il problema, il ministro ha specificato che una singola azienda britannica ha esportato in Malesia oltre 50mila tonnellate di scarti di plastica con circa mille container negli ultimi due anni, utilizzando metodi illeciti e documenti falsi in merito alle caratteristiche dei rifiuti.

Le 44 discariche in Italia condannate dalla Corte di Giustizia Ue. MAPPA

Da quando la Cina ha vietato l’importazione dei rifiuti, le discariche illegali si sono moltiplicate in tutti i paesi del sud est asiatico. Il ministero ha individuato circa 60 container trasportati illegalmente con un carico di materiale contaminato.  Dallo scorso luglio ad oggi il governo malese ha chiuso già più di 150 impianti illegali. Cinque container di rifiuti sono stati restituiti alla Spagna all’inizio di maggio, mentre altri dieci verranno rispediti nelle prossime due settimane.

Plastica, nuova ricerca di Greenpeace sulla crisi del commercio globale dei rifiuti

“Sollecitiamo i Paesi sviluppati affinché rivedano la gestione della plastica e smettano di spedire i rifiuti nei Paesi in via di sviluppo. La Malesia non continuerà ad essere la discarica per i Paesi sviluppati. I responsabili della distruzione del nostro ecosistema con queste attività illegali sono traditori”, ha aggiunto il ministro.

(Visited 138 times, 2 visits today)

Leggi anche

Diventa Green!