InquinamentoSalute

Inquinamento, in Malesia la prima città ad avere un sistema per monitorare la qualità dell’aria

Condividi

Pasir Gudang sarà la prima città della Malesia ad essere dotata di un sistema di monitoraggio della qualità dell’aria. Nel 2019 la città è stata vittima di un disastro ambientale dovuto allo scarico di sostanze tossiche nel fiume Sungai Kim Kim.

Pasir Gudang nello Stato di Johor, è la prima città in Malesia ad acquistare di un sistema per monitorare la qualità dell’aria e la presenza di pollutanti pericolosi. Secondo il ministro Yeo Been Yin, il sistema servirà ad allertare le autorità del Dipartimento dell’ambiente e a prendere azioni immediate in caso di livelli troppo alti di inquinamento. Il costo del sistema di monitoraggio dell’aria sarà di circa 1.5 milioni di euro.

Plastica, trovate in Malesia migliaia di tonnellate di rifiuti italiani VIDEO

Come spiegato dal ministro il sistema di monitoraggio sarà composto da 25 installazioni di Photoionisation Detector Stations (PID), che servono ad individuare i composti volatili organici presenti nell’ambiente. Yeo ha spiegato che due gascromatografi e due rivelatori a ionizzazione di fiamme sono già disponibili nei quartieri della città e operativi dal mese di gennaio. Il primo serve ad analizzare il gas individuato dai PID mentre il secondo serve ad individuare i gas tossici. I cittadini inoltre potranno controllare la qualità dell’aria disponibile sul sito del sistema a partire dalla fine dell’anno.

Morto ultimo maschio rinoceronte di Sumatra in Malesia. Rischio estinzione

Il sistema di monitoraggio serve ad allertare immediatamente il Dipartimento dell’ambiente sulla qualità dell’aria. Quando il sistema registra un livello di inquinanti troppo alto, le autorità del dipartimento si recano sul luogo per ulteriori analisi”. In caso di successo, il sistema verrà esteso ad altre aree industriali del paese. Il governo è stato costretto a prendere l’iniziativa a seguito dell’incidente del marzo 2019 quando più di 4,000 persone, di cui la maggior parte bambini, si è ammalata a causa dell’inquinamento dell’acqua dovuto ad uno scarico di sostanze tossiche a nel fiume Sungai Kim Kim. L’incidente ha portato alla chiusura di 111 scuole a Pasir Gudang.

Malesia, rispedisce tonnellate di rifiuti non riciclabili

Come spiegato dal ministro Yeo “il monitoraggio dei droni è iniziato a ottobre. Lo scopo è quello di individuare i contaminanti e la loro origine nel modo più veloce possibile in modo da prendere le giuste precauzioni”. Il ministro inoltre sta lavorando per modificare l’ Environmental Quality Act del 1974. In caso di troppi emendamenti, il “ministero lavorerà direttamente ad una nuova legge ambientale”.

(Visited 12 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago