Animali

Malattie, incendi, deforestazione: i koala sono ormai senza futuro

Condividi

Potrebbe essere finita la speranza di sopravvivenza per i koala, tra incendi, deforestazione causata dall’uomo e malattie infettive che stanno decimando i pochi esemplari rimasti.

Al lavoro, Morgan Philpott si prende cura dei bambini malati. Nelle ore libere l’infermiera pediatrica australiana rivolge la sua attenzione a un gruppo altrettanto indifeso: i koala malati.

Corrono davvero il rischio di estinguersi entro una generazione“, ha detto Philpott della popolazione di koala del New South Wales in un ospedale per animali alla periferia di Sydney mentre aiutava un veterinario a curare un koala salvato infetto dalla malattia batterica clamidia.

Australia, governo sotto accusa: non sta facendo abbastanza per proteggere i koala

L’infezione diffusa tra i koala, gli incendi, la siccità, il disboscamento delle foreste e l’invasione urbana del loro habitat sono alcune delle molte forze distruttive che continuano a minacciare la loro sopravvivenza. Queste forze, avvertiva un rapporto del governo a giugno, potrebbero estinguere l’animale simbolo dell’Australia nel Nuovo Galles del Sud, lo stato più popoloso della nazione, entro il 2050.

 


“Se le aree che non sono state bruciate l’anno scorso bruciassero quest’anno, sarebbe davvero catastrofico”, per i koala, ha detto Philpott, che è entrata a far parte della più grande agenzia di salvataggio degli animali del paese, Wildlife Information, Rescue and Education Service, o WIRES.

“Gli incendi futuri potrebbero segnarne la fine.”

La peggiore estate di incendi boschivi del paese in una generazione ha raso al suolo più di 11,2 milioni di ettari (27,7 milioni di acri), quasi la metà dell’area del Regno Unito, spingendo i marsupiali grigi al centro della conversazione nazionale e di una questione politica calda .

Nel New South Wales, almeno 5.000 koala sono stati uccisi negli incendi che hanno bruciato l’80% della Blue Mountains World Heritage Area e il 24% dell’habitat dei koala su suolo pubblico, afferma il rapporto di giugno del governo.

Con l’avvicinarsi di un’altra estate, i koala devono affrontare la minaccia di ulteriori incendi boschivi, sebbene i meteorologi si aspettino mesi più umidi e più freschi rispetto all’anno precedente.

Le nuove leggi statali hanno cercato di limitare la capacità degli agricoltori di liberare terreni ritenuti importanti per l’habitat dei koala, scatenando una rissa politica tra gli ambientalisti urbani e le persone nella boscaglia che volevano gestire la propria proprietà.

Australia, i koala rischiano di estinguersi entro i prossimi 30 anni

Il tasso di abbattimento degli alberi e la perdita di habitat (sono) alla base di tutti gli altri fattori che li minacciano in quelle aree sviluppate, oltra agli attacchi di cani domestici e incidenti con veicoli”, ha detto Kellie Leigh, capo di Science for Wildlife, una organizzazione no profit, prima di rilasciare una madre koala e il suo bambino su un albero nel Parco Nazionale Kanangra-Boyd, a circa 200 km (124 miglia) a ovest di Sydney.

Il rilascio faceva parte della sua ricerca, il Blue Mountains Koala Project, sul recupero dei koala nelle aree colpite da incendi boschivi.

Gli ambientalisti, che incolpano i cambiamenti climatici per gran parte degli incendi boschivi, si stanno concentrando anche sulle città poiché la crescita della popolazione in metropoli come Sydney spinge la richiesta di disboscare le foreste per far posto alle case. I segnali di attenzione ai koala sono apparsi ora nei sobborghi sviluppati che avvertono del rischio di attraversamento stradale degli animali.

Ci deve essere un equilibrio per garantire che queste specie sopravvivano“, ha detto Tracey, una volontaria di WIRES, mentre nutriva una madre e due gemelli di foglie di eucalipto all’interno di un recinto di riabilitazione vicino a casa sua.

 

(Visited 35 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago