Inquinamento

Makeup, tracce di plastica in rossetti e mascara. Il rapporto di Greenpeace

Condividi

“Il trucco c’è ma non si vede”. E’ il titolo del nuovo rapporto di Greenpeace in cui sono stati analizzati 11 tra i più famosi brand di makeup: in cinque di questi travate percentuali maggiori di prodotti con ingredienti in plastica.

Rossetti, lucidalabbra, mascara, cipria e fondotinta, ovvero alcuni dei prodotti più comuni per il makeup e che entrano in contatto con occhi e bocca, spesso nascondono uno sporco trucco: ingredienti in plastica che possono contaminare il Pianeta e mettere a rischio la nostra salute.

È quanto emerge dal rapporto “Il trucco c’è ma non si vede”, in cui Greenpeace ha verificato la presenza di materie plastiche, sia nelle liste degli ingredienti che attraverso indagini di laboratorio, in oltre 600 trucchi di 11 marchi:

  • Bionike
  • Deborah
  • Kiko
  • Lancôme
  • Lush
  • Maybelline
  • Nyx
  • Pupa
  • Purobio
  • Sephora
  • Wycon

“Nel 79% dei 672 prodotti verificati online abbiamo trovato materie plastiche, il 38% delle quali era costituito da particelle solide note come microplastiche. Dall’indagine è emerso anche l’uso massiccio di polimeri in forma liquida, semisolida e solubile, i cui effetti sulle persone e sull’ambiente non sono ancora del tutto noti“, spiega Greenpeace.

Le cinque marche con le percentuali maggiori di prodotti con ingredienti in plastica sono risultate, nell’ordine, LushMaybellineDeborahSephora e Wycon. Le analisi di laboratorio, volte a verificare la presenza di microplastiche in 14 prodotti, hanno evidenziato la presenza di piccole particelle inferiori ai 5 millimetri come il polietilene (in 6 prodotti), il polimetilmetacrilato (in 2 prodotti), il nylon (in 2 prodotti) e il polietilene tereftalato (in 1 prodotto). Solo i prodotti dell’azienda Purobio sono risultati privi di ingredienti in plastica.

Il video spot di Greenpeace realizzato dall’agenzia creativa DLV BBDO ha lo scopo di denunciare e sensibilizzare il pubblico sul tema dell’inquinamento dei mari e del pianeta, focalizzandosi sulla presenza di ingredienti in plastica nei più comuni prodotti di make-up. Il video è diretto dal regista Matteo Rovere e protagonista l’attrice Greta Scarano.

Plastica liquida: l’ultimo trucco per avvelenare il nostro mare. Il nuovo report di Greenpeace

Ringraziamo DLV BBDO, Groenlandia, Matteo Rovere e Greta Scarano per aver realizzato un video che serve a far riflettere su come la plastica sia davvero ovunque, anche all’interno di tanti prodotti che usiamo ogni giorno e che ci rendono, il più delle volte, complici inconsapevoli di una contaminazione destinata a durare per secoli” dichiara Giuseppe Ungherese, responsabile della Campagna Inquinamento di Greenpeace Italia. “Proprio per aiutare le persone a scegliere i prodotti per make-up privi di ingredienti in plastica, già disponibili sul mercato, diffondiamo una guida per le consumatrici e i consumatori che vogliono fin da subito iniziare a fare la loro parte in difesa del mare e del Pianeta”.

Secondo i dati raccolti da Greenpeace nei prodotti di make-up possono trovarsi ingredienti in plastica sia in forma solida, noti come microplastiche, ma anche in forma liquida, semisolida e/o solubile e destinati a finire nell’ambiente e aggravare lo stato di contaminazione del Pianeta. Il video vuol far riflettere proprio sull’effetto di lunga durata dei trucchi sul nostro volto ma anche sulla lunga permanenza degli ingredienti in plastica contenuti al loro interno che, a causa della scarsa biodegradabilità, possono contaminare l’ambiente per secoli. Oggi è già possibile non utilizzare prodotti con ingredienti in plastica nei mascara, rossetti, lucidalabbra, fondotinta, ciprie e illuminanti e proprio con la guida di Greenpeace “Il trucco c’è” sarà più facile individuare i prodotti che ne sono privi.

Tigre di Sumatra morta intrappolata in una piantagione di cellulosa. Le immagini di Greenpeace

All’interno della guida di Greenpeace è possibile trovare, oltre ad informazioni dettagliate sulle diverse tipologie di plastiche, un elenco degli ingredienti in plastica più comunemente usati nei prodotti per il make-up. L’elenco che potrà essere utilizzato al momento dell’acquisto per verificare se nella lista degli ingredienti dei trucchi, che segue la nomenclatura internazionale INCI (International Nomenclature of Cosmetics Ingredients) e che si trova abitualmente sulla confezione, sono presenti ingredienti in plastica.

(Visited 126 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago