Scienza e Tecnologia

BEPPE GRILLO E PETRA RESKY, “PALERMO CONNECTION”

Condividi

Mafia. In questo episodio di Più Libri più Liberi salgono sul palco Beppe Grillo e la giornalista tedesca Petra Resky in una straordinaria inversione. Beppe Grillo diventa la “valletta”(come si definisce lui stesso) lasciando i riflettori alla signora Reski, che presenta il suo libro “Palermo Connection”.

La giornalista Petra Resky chiarisce subito scherzosamente che il suo amico Grillo è stato chiamato perché “altrimenti non avrebbe avuto tutte queste persone tra il pubblico a presentare un progetto che in realtà è molto interessante”.

Palermo Connection è un thriller,ambientato ai giorni nostri in una Palermo “Tra Mafia e Politica” e racconta la storia al limite dell’autobiografico di una giornalista di Dortmund che arriva in Sicilia per raccogliere informazioni su un imprenditore presunto colluso con la Mafia che ha fatto fortuna in Germania. La storia poi si incrocia con la storia di un tenace Pubblico Ministero Italiano, impegnata in un processo contro un importante politico accusato di associazione mafiosa. E’ la storia della Reski, giornalista tedesca trapiantata in Italia da sempre cronista di fatti di Mafia e N’drangheta e dei legami di quest’ultima con la politica e la Germania.

(Visited 140 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago