Consumo CriticoTerritorio

Made in Italy, oltre un milione di firme per la petizione #StopFakeFood

Condividi

Made in Italy. A Cernobbio in occasione del 18 forum internazionale sull’agricoltura è stata annunciata la Vittoria della raccolta firme europea per ottenere l’etichettatura obbligatoria di origine dei prodotti agroalimentari in tutta la Ue.

“Abbiamo raggiunto i due quorum necessari. Oltre 1 milione di firme e il numero di 7 Paesi con quorum nazionale minimo in Italia, Belgio,Finlandia, Estonia, Irlanda, Slovacchia e Lussemburgo.

Made in Italy, Conte lancia l’allarme Dazi di Trump: ‘potrebbero fare molto male’

Ma firme sono arrivate da tutti i 28 Paesi – ha dichiarato Alfonso Pecoraro Scanio tra i promotori della ICE ( iniziativa dei cittadini europei) come presidente della fondazione Univerde e del comitato scientifico di Campagna Amica.

” le oltre 5000 sezioni locali della Coldiretti, i 1000 mercati di Campagna amica e soprattutto i giovani agricoltori sono stati determinanti per questa vittoria- continua l’ex ministro dell’agricoltura e dell’ambiente- ma anche online siamo riusciti a coinvolgere centinaia di migliaia di cittadini .”

Made in Italy, firmato a Colonia accordo “Stoppa falsi” in Ue

 

” dal 2012 sono pochissime le ICE che sono riuscite a raggiungere il risultato. Questa è solo la settima ed è la prima realizzata da un alleanza tra agricoltori, ambientalisti e consumatori. Ora la nuova commissione e il nuovo parlamento europei dovranno dare una risposta chiara ed efficace con una norma che dica stop al cibo anonimo e garantisca un’onesta etichetta di origine per tutti i prodotti agroalimentari. Su questo abbiamo chiesto l’impegno del premier Conte e della Ministra Bellanova ma anche del presidente del Parlamento Europeo Sassoli.”

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago