AttualitàPolitica

‘Patto per l’export’, 1.4 miliardi di euro per il rilancio del Made in Italy

Condividi

Made in Italy. Una strategia per il rilancio delle esportazioni del Made in Italy duramente colpite dal rallentamento del commercio mondiale imposto dalla pandemia, attraverso il rafforzamento degli strumenti di sostegno all’internazionalizzazione e un’azione promozionale di ampio respiro: è questo il ‘Patto per l’export’ firmato dalla Farnesina alla presenza dei ministri degli Esteri, delle Politiche Agricole, dell’Economia, dell’Università, dei Beni culturali, dei Trasporti, del Turismo e dell’Innovazione.

“Sono sei i pilastri strategici, definiti sulla base delle priorità indicate da 12 tavoli d’ascolto ai quali hanno partecipato 147 associazioni di categoria” – ha spiegato il presidente Comagri, Filippo Gallinella.

Made in Italy, nasce il Marchio di sicurezza per i prodotti per l’infanzia

“Nell’audizione che il sottosegretario Manlio Di Stefano ha tenuto in commissione Agricoltura – ha aggiunto Gallinella – sono stati illustrati gli strumenti contenuti nel ‘Patto per l’Export’ per un rilancio del settore agroalimentare che prevedono l’adozione di strategie commerciali e modelli innovativi, nonché la realizzazione di campagne di comunicazione integrata a favore del Made in Italy e di tutte le nostre filiere”.

Le risorse messe in campo (1,4 miliardi di euro) sono destinate alle imprese che vogliono affacciarsi sui mercati internazionali ed esportare i propri prodotti di eccellenza, con diversi interventi, anche a fondo perduto, da utilizzare entro l’anno.

Made in Italy, l’Ue riconosce l’Amatriciana una specialità da tutelare

“L’impegno in questo progetto è quindi molto importante – ha oncludo il Presidente di Comagri – lo dimostra il fatto che parteciperanno al ‘Patto per l’Export’ tutte le agenzie governative a supporto delle esportazioni (Sace, Simest e Ice, la Cassa depositi e prestiti e le associazioni imprenditoriali, bancarie e assicurative, la Conferenza delle Regioni), perché solo lavorando in sinergia riusciremo ad affermare nuovamente sui mercati internazionali il successo che il nostro Paese merita”.

 

 

Photo by Trang Doan from Pexels

(Visited 41 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago