CronacaTerritorio

Made in Italy, i dazi di Trump minacciano il 50% dei prodotti esportati in USA

Condividi

Made in Italy. “Dopo Cina, Messico e India, la prossima vittima della guerra dei dazi scatenata dal Presidente degli Stati Uniti rischia di essere l’Unione Europea”.

È l’allarme lanciato dalla Coldiretti che in una nota spiega come nei confronti dell’Unione Europea si sia appena conclusa (lo scorso 28 maggio) la procedura di consultazione avviata dal Dipartimento del Commercio (USTR) sulla lista dei prodotti da colpire.

Lista che comprende, tra le altre cose, circa il 50% degli alimentari e delle bevande Made in Italy esportate in Usa.

L’analisi della Coldiretti è stata divulgata in occasione della visita in Gran Bretagna di Donald Trump che ha espresso il suo sostegno ad una Brexit senza accordo con l’Unione Europea (che rischia di creare il caos nel vecchio continente).

Made in Italy, accordo Plasmon – Mipaaft per prodotti per l’infanzia più sicuri

“La disputa sull’industria aeronautica ha portato gli Usa alla definizione di una black list di prodotti europei da colpire con dazi che – sottolinea Coldiretti – ha un importo complessivo di 11 miliardi di dollari e comprende anche importanti prodotti agricoli e alimentari di interesse nazionale come i vini tra i quali il Prosecco ed il Marsala, formaggi, ma anche l’olio di oliva, gli agrumi, l’uva, le marmellate, i succhi di frutta, l’acqua e i superalcolici tra gli alimentari e le bevande”.

Si tratta di una serie di prodotti che riguardano oltre la metà degli alimentari e delle bevande Made in Italy esportate in Usa, dove nel 2018 si è registrato il record per un valore di 4,2 miliardi (+2%).

A rimetterci di più è il vino, dal Prosecco al Marsala, che, con un valore delle esportazioni di quasi 1,5 miliardi di euro nel 2018, è anche il prodotto agroalimentare italiano più venduto negli States.

Agroalimentare, l’export dei prodotti Made in Italy vale 41 miliardi

In pericolo ci sono anche altri simboli della cucina nostrana: dall’olio di oliva, con le esportazioni che nel 2018 sono state pari a 436 milioni, fino ai formaggi che valgono 273 milioni.

Un esempio, è il Pecorino Romano, per il quale gli Usa rappresentano circa i 2/3 del totale export, o del Grana padano e Parmigiano Reggiano che vedono nell’America il secondo mercato di riferimento dopo la Germania.

Ma nella black list Usa finiscono anche gli agrumi, le marmellate, i succhi d’uva e di frutta, l’acqua minerale, i superalcolici e alcune varietà di pesce.

“A favore dei dazi si è espressa – rivela Coldiretti – la lobby dell’industria casearia Usa (CCFN) che ha chiesto di colpire le importazioni di formaggi europei se non verrà aperto il mercato dell’Unione ai tarocchi statunitensi prodotti nei caseifici a stelle e strisce con nomi che richiamano esplicitamente le specialità casearie più note del Belpaese senza averci nulla a che fare, dalla mozzarella alla ricotta, dal provolone all’asiago, dal parmesan al romano ottenuto però senza latte di pecora”.

Agricoltura, 500 milioni di investimenti per le filiere Made in Italy

Va sottolineato però che solo l’1% dei formaggi che vengono venduti sul mercato americano, hanno un legame con la realtà produttiva Made in Italy, il resto invece è realizzato sul suolo americano e – precisa la Coldiretti –  a differenza delle produzioni Made in Italy Dop non rispettano i rigidi disciplinari di produzione dell’Unione Europea che definiscono le aree di produzione, il tipo di alimentazione le modalità di trasformazione.

Critiche alla proposta dei dazi nei confronti dell’Unione Europea arrivano dalla North American Olive Oil Association (NAOOA) che ha avviato l’iniziativa  “Non tassate la nostra salute” (che può essere sottoscritta in line su https://www.aboutoliveoil.org/petition) per chiedere al Dipartimento Usa al commercio estero (USTR) di escludere l’olio d’oliva europeo dalla lista di prodotti colpiti.

Nella petizione si sottolinea che l’olio d’oliva è uno degli alimenti più salutari tanto che la stessa Food and Drug Administration statunitense (FDA) lo ha riconosciuto come un alimento benefico per la salute cardiovascolare, oltre che componente principale della dieta mediterranea che, se fosse seguita secondo studi scientifici, comporterebbe un risparmio di 20 miliardi dollari in trattamento per molti disturbi oltre alle malattie cardiache, tra cui cancro, diabete e demenza.

“Ci sono le condizioni per evitare uno scontro dagli scenari inediti e preoccupanti che rischia di determinare un pericoloso effetto valanga sull’economia e sulle relazioni tra Paesi alleati” – ha affermato il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nel sottolineare che “gli Usa si collocano al terzo posto tra i principali italian food buyer dopo Germania e Francia, ma prima della Gran Bretagna”.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago