Territorio

Accordo Carrefour e Coldiretti per valorizzare il Made in Italy

Condividi

Made in Italy. In arrivo in oltre 1.000 punti vendita Carrefour Italia i prodotti a marchio Terre d’Italia realizzato con i prodotti della Filiera Agricola Italiana che, con il label FDAI (Firmato dagli agricoltori italiani), garantiscono l’utilizzo della materia prima nazionale.

L’iniziativa, annunciata al Salone Carrefour 2019 alla presenza del Presidente di Carrefour Italia, Gérard Lavinay e di Ettore Prandini, Presidente di Coldiretti, trova il suo fondamento nella condivisione dell’obiettivo di tracciare i prodotti alimentari lungo tutta la filiera, tutelare i diritti di chi lavora lungo la filiera e di chi ne consuma i prodotti e sostenere l’identità territoriale e lo sviluppo della biodiversità.

Made in Italy, nasce il portale per conoscere le eccellenze italiane Dop e Igp

L’accordo prevede l’arrivo sul mercato di un primo paniere di prodotti come pasta, olio, ortaggi, verdure, salumi e succhi di frutta a partire dal 2020, per rispondere alla domanda crescente dei consumatori di avare garanzie sull’origine dei prodotti.

Agroalimentare, l’export dei prodotti Made in Italy vale 41 miliardi

Con questa partnership Carrefour Italia e Coldiretti vogliono rafforzare l’impegno a valorizzare la filiera agroalimentare italiana, tutelando l’ambiente, l’economia e l’occupazione su tutto il territorio nazionale.

Made in Italy, accordo Plasmon – Mipaaft per prodotti per l’infanzia più sicuri

“Sono certo che questo accordo potrà suscitare un forte apprezzamento nei consumatori, sempre più attenti alla provenienza dei prodotti e della filiera di produzione” – ha detto il presidente di Carrefour Italia Gérard Lavinay, convinto “che il label Fdai rappresenterà un segno distintivo e un valore aggiunto anche per i nostri produttori di Terre d’Italia”.

Per il presidente di Coldiretti, Ettore Prandini “è necessario garantire una presenza sempre più capillare del prodotto 100% italiano sugli scaffali, che va sostenuta con la trasparenza dell’informazione ai consumatori sulla reale origine degli alimenti che acquistano e attraverso la collaborazione dei protagonisti più attenti della distribuzione commerciale”.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago