Attualità

Luca, il primo film d’animazione Disney-Pixar ambientato in Italia: i protagonisti in Vespa alla ricerca di libertà

Condividi

Luca, il nuovo film d’animazione Disney-Pixar, è uscito nello scorso weekend: si tratta del primo ambientato in Italia, nella splendida cornice delle Cinque Terre.

Luca, il nuovo film d’animazione Disney-Pixar, è uscito nello scorso weekend: si tratta del primo ambientato in Italia, nella splendida cornice delle Cinque Terre. Insieme agli elementi naturali che ne disegnano lo splendore, tra quelli che ne definiscono i contorni culturali c’è Vespa, lo scooter più amato e famoso al mondo che accompagna le avventure dei protagonisti Luca e Alberto alla scoperta del mondo. Vespa, prosegue la nota, ha da sempre saputo trasportare i suoi appassionati in una dimensione colorata e spensierata in grado di far sognare ma è sempre stata anche sinonimo di forza vitale in grado di ‘mettere in moto’ le cose. Questa stessa energia positiva è rintracciabile nel film che racconta quel tipo di amicizia che ci aiuta a crescere, trasformandoci in una versione migliore di noi stessi.

Ambientato in una splendida città di mare della Riviera italiana, l’originale film d’animazione Disney e Pixar Luca è la storia di un giovane ragazzo che vive un’esperienza di crescita personale durante un’indimenticabile estate contornata da gelati, pasta e infinite corse in scooter. Luca condivide queste avventure con il suo nuovo migliore amico, Alberto, ma tutto il divertimento è minacciato da un segreto profondo: sono mostri marini di un altro mondo situato appena sotto la superficie dell’acqua.

Mobilità, arrivano le colonnine di ricarica elettrica dal benzinaio

Per tutta la durata del film, Vespa è presente come simbolo di questo messaggio positivo. Questa speciale collaborazione, in cui Vespa tocca i cuori di grandi e piccini, avviene proprio nell’anno del settantacinquesimo compleanno dello scooter che ha saputo diventare icona dello stile italiano nel mondo. Il ruolo di Vespa all’interno del film risulta particolarmente naturale, venendo a rappresentare la massima espressione di libertà per i protagonisti nel momento in cui fanno esperienza della vita in superfice.

Festival di Yulin, non si ferma neanche quest’anno il crudele massacro di cani e gatti in Cina

Presente in più di 1400 film, Vespa ha sempre avuto un rapporto privilegiato col grande schermo e il cinema ha giocato un ruolo importantissimo nel costruirne il mito. Apparsa sugli schermi nel 1950, con il film italiano Domenica d’agosto, Vespa diventa status symbol mondiale con Vacanze Romane (1953) di William Wiler e la celeberrima sequenza in cui Audrey Hepburn e Gregory Peck si gettano nel traffico di Roma in sella a una Vespa 125. Sono innumerevoli le attrici e gli attori saliti in sella a Vespa, e altrettanti i film, commedie o drammatici, di azione o di impegno sociale, in cui lo scooter più amato al mondo fa capolino, quando non diventa addirittura personaggio: da Caro Diario (1993) di Nanni Moretti, nel quale il protagonista sta in sella a una 150 Sprint per l’intero episodio intitolato, appunto, In Vespa ad Alfie (2004) nel quale Jude Law va a spasso per le vie di Manhattan con la sua Vespa bianco-blu, a The Interpreter (2005) di Sydney Pollack, con Nicole Kidman che fa della sua Vespa gialla il mezzo di locomozione preferito per circolare nelle strade di New York.

Manfredonia, scoperte in spiaggia carcasse di un delfino e di una tartaruga

E poi ancora veri cult della cultura giovanile quali Quadrophenia, Absolute Beginners e American Graffiti, fino a blockbuster come Il talento di Mr. Ripley, La Carica dei 102 e i più recenti Transformers 5 – The Last Knight e Zoolander 2. Vespa vanta anche presenze in spettacolari film di animazione come Ratatouille (2007), Madagascar 3 (2012) e Big Hero 6 (2014). Oltre che un indimenticabile apparizione nella ottava stagione (1996) de I Simpson. Vespa appare anche in molte serie TV, tra le più note Romanzo Criminale e How I met your mother.

(Visited 118 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago