Nascerà nel Distretto Sanitario di Al Daayan in Qatar. Sarà composto da una struttura di due piani realizzata con moduli quadrati e con giardini interni

L’ospedale del futuro? Un team di architetti e ingegneri ci sta già lavorando e dovrebbe sorgere in Qatar, nel distretto sanitario di Al Daayan.

È stato progettato dagli studi di OMA Reinier de Graan e Squint/Opera in collaborazione con BuroHappold. I progettisti promettono che questo primo prodotto che sorgerà nel piccolo stato arabo rappresenterà solo il prototipo di tutti gli ospedali del futuro grazie a due caratteristiche fondamentali: la totale autonomia nei consumi di energia (e non solo) e la capacità di auto-costruirsi grazie all’utilizzo delle stampanti 3D.

Usare i rifiuti per creare acqua potabile, l’idea di un chimico ugandese per risolvere la crisi idrica in Africa

La fattoria solare dell’ospedale hi-tech

L’ospedale sarà dotato di una fattoria che produrrà cibo e piante medicinali da utilizzare all’interno dell’ospedale. Un’autoproduzione che permetterà anche di abbattere i costi e i consumi legati all’energia e al trasporto di questi prodotti.

Inoltre il progetto prevede un’utilizzo massiccio di pannelli fotovoltaici che permetteranno – secondo quanto spiegato dai progettisti – un utilizzo bassissimo (quasi pari a zero) di energia prodotta da fonti fossili.

L’ospedale che si auto-costruisce con le stampanti 3D

L’ospedale è stato progettato per essere costruito in moduli. La struttura avrà un’altezza massima di due piani, sarà realizzata con moduli quadrati e scomponibili e all’interno di questi saranno costruiti dei giardini.

Ma oltre la struttura modulare e la capacità di essere quasi completamente autosufficiente, la caratteristiche di questo ospedale che ha lasciato a bocca aperta molti osservatori è un’altra.

Esso, infatti, sarà in grado di auto-costruirsi. Il sistema è dotato di stampanti 3D di altissima tecnologia che quindi possono costruire i moduli sul posto abbattendo le emissioni dovute al trasporto dei materiali. E allo stesso tempo sarà possibile effettuare riparazioni sempre sul posto e in tempi assai brevi.

Chip sotto pelle anche per le persone: ecco l’uomo che paga con il Pos avvicinando la mano

Articolo precedenteElon Musk offre una montagna di soldi per comprarsi tutto Twitter
Articolo successivoRoma, tartarughe uccise: caccia al responsabile. “Gusci distrutti con i massi”