AnimaliScienza e Tecnologia

Londra, ritornano i City Tree per combattere l’inquinamento nella capitale

Condividi

Sono stati installati nuovamente a Londra i City Tree, delle torri coperte di muschio in grado di assorbire CO2 e produrre ossigeno alla pari 275 alberi.

Il mondo si sta finalmente rendendo conto della minaccia posta dai cambiamenti climatici e dall’inquinamento e Londra sta cominciando a fare la sua parte. Dalle strade a zero emissioni ai pannelli solari, passando per i ristoranti in cui vengono serviti prodotti vegani e a km zero, la capitale sta mettendo in pratica una serie di progetti per migliorare la qualità della vita dei londinesi. I prossimi saranno i tre nuovi City Trees installati a Leytonstone, nell’area nord est della capitale.

Inquinamento, in Messico un cartellone pubblicitario che assorbe lo smog

Chiamarli alberi è sbagliato: si tratta di torri decorate con differenti tipi di muschio che assorbono particolati sottili e ossido d’azoto producendo allo stesso tempo ossigeno. I City Trees hanno il proprio sistema energetico e di irrigazione che gli consente di operare indipendentemente dalle condizioni metereologiche e raccogliere dati sull’ambiente circostante, che possono essere utilizzati per ulteriori soluzioni ecologiche.

Arriva la prima strada a “zero emissioni” solo per pedoni, ciclisti e auto elettriche

Ogni torre ha la capacità di assorbimento di 275 alberi, che le rende uno strumento estremamente potente per migliorare la qualità dell’aria, in particolare nelle aree più inquinate dove non è possibile piantare un numero cosi vasto di alberi. Un altro beneficio deriva dall’abilità del muschio di raccogliere una grande quantità di umidità che serve a mantenere l’aria più fresca oltre che pulita.

Inquinamento, la metro di Londra è la più pericolosa al mondo

I City Trees possono essere trovati fuori dalla stazione della metro Leytonstone e nell’incrocio tra Leytonstone High Road e Crownfield Road, entrambi nel quartiere di Waltham Forest, che ha annunciato in estate la dichiarazione di “emergenza climatica”. Non è la prima volta che vengono installati a Londra: nel 2018 vennero installati per pochi mesi a West End ma questa volta le torri saranno permanenti in quello che risulta essere un ulteriore passo in avanti verso una capitale più verde.

(Visited 45 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago