Attualità

LONDRA, SCATTA IL DIVIETO PUBBLICITÀ CIBO SPAZZATURA NELLE METRO

Condividi

Londra. Dal prossimo 25 febbraio scatterà il divieto della pubblicità del “junk food” (cibo spazzatura) in tutte le stazioni della metropolitana e in tutte le fermate degli autobus di Londra. Ad annunciarlo il sindaco Sadiq Khan.

Sarà vietato reclamizzare la maggior parte delle bevande zuccherate, hamburger, barrette di cioccolato, patatine e merendine nelle stazioni delle metropolitane di Londra. Il divieto partirà da febbraio. Il progetto contro lo “junk food” precisa che ristoranti, catene di fast food  e takeaway potranno promuovere solo i loro prodotti più salutari. Londra detiene il preoccupante record del più alto tasso di bambini sovrappeso o obesi in Europa con almeno il 40% compresi tra i 10 e gli 11 anni,  con un peso che rischia di nuocere alla loro salute (fonte Public Health England). Il “junk-food” sarà off-limit anche su treni overground della capitale, sui tram e sui servizi fluviali.  

Una mossa criticata dai  rappresentanti dell’industria pubblicitaria: potrebbe costare all’azienda TfL (Transport For London) decine di milioni di sterline di entrate in un momento in cui il sistema dei trasporti stava affrontando una crisi finanziaria. Il sindaco Sadiq Khan aveva precedentemente annunciato la sua intenzione di limitare la pubblicità di cibi ricchi di grassi, zucchero e sale, ma ha ora confermato che il divieto entrerà in vigore all’inizio del prossimo anno:  “È chiaro che la pubblicità gioca un ruolo importante nelle scelte che facciamo, che ce ne rendiamo conto o meno, e i londinesi hanno dimostrato un enorme sostegno per il divieto di pubblicità di cibo spazzatura e bevande sulla nostra rete di trasporti”.

(Visited 259 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago