Ecco il comune italiano dove ogni giorno una persona viene multata perché abbandona i rifiuti per strada

A Seregno, in provincia di Monza e della Brianza, ogni giorno una persona riceve una multa perché abbandona i rifiuti per strada. Il sindaco Alberto Rossi: “Fino a oggi, già 158 cittadini hanno ricevuto la contravvenzione”.

A Seregno, un Comune in provincia di Monza e della Brianza, ogni giorno una persona viene multata perché pizzicata ad abbandonare i rifiuti per strada. Lo ha scritto sui social Alberto Rossi, il sindaco del paese lombardo. Dal 1° gennaio 2022 al 13 giugno 2022, ben 158 cittadini hanno ricevuto già la contravvenzione.

Numero destinato ad aumentare, e non di poco, perché diverse altre devono ancora essere processate dopo gli accertamenti compiuti dal vigile ecologico“, afferma il Primo Cittadino.

Che poi ha aggiunto: “Più volte mi è capitato di sentire persone che ritengono che la Tari si paghi a seconda di quanti sacchi blu si prendono, e dunque più sacchi blu uno usa, più si paga la Tari. Insomma, si abbandonerebbe per pagare meno Tari. Non solo è assolutamente falso, ma è vero l’opposto! Ogni intervento straordinario di raccolta rifiuti abbandonati deve venire pagato a “Gelsia Ambiente”, e questo costo poi va a incidere sul costo generale che si trova in Tari. In sintesi, non è vero che più sacchi blu prendiamo più si alza la Tari, è vero il contrario: più ci sono rifiuti abbandonati, maggiori sono i costi per tutti, anche per chi rispetta ambiente e decoro urbano”.

Seregno, il sindaco Alberto Rossi: “La raccolta differenziata quasi all’81%” 

Il sindaco Alberto Rossi sottolinea oltretutto come “a Seregno la differenziata è quasi all’81%, una cifra importante, superiore alle medie provinciali e regionali”.

Eppure, l’inciviltà di chi abbandona i rifiuti per strada costa ogni anno all’intera popolazione un milione di euro.

Si può migliorare nei controlli, si può migliorare nella pulizia: tutto è migliorabile e stiamo lavorando costantemente per farlo. Ma oltre all’Amministrazione c’è anche il tema del senso civico di ciascuno: la Città non è solo dell’Amministrazione, ma è di tutti. Le responsabilità sono ovviamente diverse, ma ognuno di noi, nello spazio in cui vive, è chiamato a prendersene cura, per poter migliorare costantemente il nostro vivere insieme come comunità“, ha concluso il Primo Cittadino.

Articolo precedenteTeleAmbiente, risintonizzate la tv: da oggi ci trovate sul canale 18!
Articolo successivoConfermata la morte di Pereira e Phillips, gli attivisti sono stati uccisi da un bracconiere e pescatore