Attualità

L’ITALIA E’ PIU’ CALDA DI UN GRADO

Condividi

Italia più calda. L’Italia è diventata più calda di un grado.

Secondo i dati Istat, nel periodo 2002-2016, la temperatura media annua nelle città capoluogo di regione nel periodo è stata di 15,5 gradi, un aumento di 1 grado rispetto agli anni 1971-2000.

Il riscaldamento varia fra lo +0,5C di Cagliari e Genova e il +1,5C di Perugia.
Nello stesso periodo, sono in media 110 i giorni estivi e 45 le notti tropicali, rispettivamente 17 e 14 in più rispetto alla media climatologica.

In aumento anche le piogge: la precipitazione totale media annua è stata pari a 778 mm, un aumento di circa 1,6% in più rispetto al valore climatico 1971-2000.

Dati che vengono confermati nel Rapporto “Le città alla sfida del Clima” di Legambiente.

Dal 2010 ad oggi – si legge nel Rapporto – sono stati 198 i Comuni italiani colpiti da impatti rilevanti dei cambiamenti climatici, con 340 fenomeni meteorologici estremi, 109 casi di danni a infrastrutture da piogge intense e 157 vittime, oltre a 45.000 sfollati.
Tra il 2005 e il 2016, in 23 città italiane, le ondate di calore hanno causato 23.880 morti.
”L’adattamento al clima rappresenta la grande sfida del tempo in cui viviamo – ha commentato il vicepresidente di Legambiente, Edoardo Zanchini – occorre accelerare il passo nelle politiche climatiche, superando la frammentazione di interventi tra i diversi ministeri, attraverso una cabina di regia sulle strategie climatiche, in capo al governo, e un regolamento per l’adattamento al clima nelle città”.

(Visited 42 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago