AttualitàPolitica

Liliana Segre, il sindaco che nega la cittadinanza onoraria: “Sono convintamente antisemita”

Condividi

“Sono convintamente antisemita”, il lapsus del sindaco di Gualdo Cattaneo (Perugia) che nega la cittadinanza onoraria a Liliana Segre. Ma l’anno scorso voleva concederla a Jennifer Lopez.

Stanno facendo molto discutere le parole di Enrico Valentini, sindaco di Gualdo Cattaneo (Perugia), che si è opposto al conferimento della cittadinanza onoraria a Liliana Segre. La senatrice a vita, sopravvissuta da bambina all’Olocausto, era stata proposta dall’opposizione ma la maggioranza, a cominciare dal primo cittadino, si è opposta. “Sono convintamente antisemita”, aveva dichiarato Enrico Valentini durante il Consiglio comunale dello scorso 16 aprile.

Giorno della memoria 2021, Liliana Segre: “Non ho perdonato, ma non odio più”

Nel corso della videoconferenza, anche di fronte alle proteste dell’opposizione, Enrico Valentini aveva provato a correggere il tiro. “Mi scuso se sono stato interpretato male, parlavo come se mi trovassi tra amici” – le parole del sindaco di Gualdo Cattaneo – “Liliana Segre non è legata al nostro territorio, non c’è pregiudizio politico. Applicherei lo stesso criterio anche nel caso di Norma Cossetto (la giovane istriana martire delle Foibe, ndr)”. Peccato che, nel gennaio 2020, quando la popstar Jennifer Lopez aveva dichiarato di voler trasferirsi in Italia, il primo cittadino umbro l’aveva invitata a Gualdo Cattaneo e si era detto pronto a concederle la cittadinanza onoraria.

Giorno della memoria, Liliana Segre: “Il male assoluto non si dimentica” 

(Visited 18 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago