Attualità

LIFELINE ATTRACCA A MALTA, MIGRANTI RIDISTRIBUITI IN OTTO PAESI. CONTE: “BEN VENGA QUESTA SOLUZIONE”

Condividi

Lifeline attracca a Malta. Raggiunto l’accordo sulla Lifeline.

La nave Ong ha avuto il permesso di attraccare a Malta.

Dopo l’ok dell’Olanda, sono otto i Paesi che stanno collaborando per assistere i 234 migranti a bordo.

Sono, oltre alla stessa Malta, Francia, Italia, Irlanda, Portogallo, Belgio, Olanda e Lussemburgo.

Mentre, ha aggiunto il premier maltese Muscat, “altri Stati membri si sono rifiutati di accogliere i migranti”.

Il premier maltese ha poi ringraziato il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, per aver proposto di ridistribuire i naufraghi.

Quanto alla Lifeline – ha spiegato – “sarà sequestrata per l’avvio di un’indagine: il capitano dell’imbarcazione ha ignorato le leggi internazionali, non si è trattato di uno scontro tra due Stati membri”.

“La nave fuorilegge Lifeline arriverà a Malta e lì verrà bloccata per accertamenti. Altro successo del governo italiano: dopo anni di parole, in un mese arrivano i fatti!”, il commento del ministro dell’interno Matteo Salvini.

In mattinata, il premier Conte, parlando alla Camera in vista del Consiglio Ue del 28 e 29 giugno aveva ribadito la necessità di superare il regolamento  di Dublino.

 “Le coste italiane – aggiunge Conte, ricordando uno dei punti della proposta italiana sull’immigrazione – sono coste europee, il criterio del Paese di primo arrivo va rivisto e superato, non possiamo portare tutti in Italia e Spagna”.

“Ciascun paese prenderà sul proprio territorio alcune decine di persone” – ha spiegato il presidente francese, Emmanuel Macron.

“Si tratta – ha aggiunto – di giovani che lasciano il loro paese perché non hanno speranza. Noi dobbiamo corrispondere ai nostri principi, ma senza dire che tutto è possibile è che l’Europa e il nuovo Eldorado”.

Macron ha poi precisato anche che la nave Lifeline ha agito “contro tutte le regole” spiegando che “ha fatto il gioco degli scafisti e non ha rispettato le regole né la Guardia costiera libica”.

(Visited 54 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago