Salute

Lidl ingannava sull’origine del grano della pasta: sanzione da un un 1mln di euro

Condividi

L’Antitrust ha concluso 5 provvedimenti istruttori nei confronti di altrettanti aziende alimentari che diffondevano informazioni fuorvianti circa l’origine del grano duro utilizzato nella produzione della loro pasta di semola di grano duro.  Multata Lidl con una sanzione da un milione di euro.

Il procedimento concerne i comportamenti posti in essere dal professionista, consistenti nella promozione e commercializzazione – nei punti vendita Lidl e mediante il sito internet www.lidl.it  – scrive l’Antitrust delle proprie linee di pasta di semola di grano duro a marchio “Italiano” e “Combino”, mediante confezioni che rappresentano in maniera ingannevole le caratteristiche di tale pasta, enfatizzando sulla parte frontale l’italianità del prodotto, in assenza di adeguate e contestuali indicazioni sull’origine anche estera del grano duro impiegato nella produzione della pasta”.

Pasta italiana, tutta la verità. Il test sulla rivista “Il Salvagente” VIDEO

Se da una parte l’Autorità ha accettato gli impegni di DivellaDe CeccoCocco Margherita Distribuzione (Passioni, Auchan), nei confronti di Lidl, invece, l’Antitrust ha irrogato una sanzione di 1 milione di euro dal momento che il marchio discount non ha presentato impegni nel corso del procedimento.

Per tutti i marchi, l’accusa mossa dall’Antitrust era sempre la stessa: sulle confezioni dei pacchetti di pasta c’erano immagini e informazioni tali da far credere che la materia prima fosse italiana salvo poi scoprire – grazie alle informazioni contenute sempre sulla confezioni ma in caratteri microscopici – l’origine da paesi esteri, europei e non.

Made in Italy, Coldiretti: “il cibo è la prima ricchezza del Paese”

Gli impegni presentati da Auchan, Cocco, De Cecco e Divella e accolti dall’Autorità, invece, consistono in modifiche delle etichette e dei rispettivi siti così da garantire al consumatore una informazione completa, fin dal primo contatto, sull’origine (talvolta estera) del grano utilizzato nella produzione della pasta. Il nuovo set informativo permetterà così di evitare la possibile confusione tra provenienza della pasta e origine del grano.

Cresce il consumo di biologico, ora il Governo punti sulla sostenibilità

 “Lidl ha utilizzato negli ultimi 30 mesi semola ottenuta da miscele di grani duri provenienti sia dai paesi Ue che non Ue, in cui quello italiano rappresentava in media una quota del 40%”, scrive l’Autorità. E ciò vale sia per Italiamo che per Combino. Quindi, quelle diciture Specialità italiana e Prodotto in Italia, sulle confezioni risultano ingannevoli”, scrive ancora l’Antitrust.

(Visited 184 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago