AttualitàCultura

Un libro in cambio di una bottiglia di plastica: il libraio che lotta per l’ambiente

Condividi

Un progetto che unisce l’amore per la lettura e il rispetto per l’ambiente: una bottiglia di plastica o una lattina da buttare in cambio un buon libro da leggere. Ecco il progetto di un libraio di Polla (Salerno).

Una bottiglia di plastica in cambio di un libro. L’iniziativa è di Michele Gentile, libraio di Polla, un piccolo centro in provincia di Salerno, che punta i riflettori sul problema dell’inquinamento ambientale.

Plastica monouso, il Vaticano diventa plastic free. E’ il primo Stato al mondo

Per promuovere una maggiore consapevolezza sull’argomento, soprattutto tra i più giovani, Michele ha ideato il progetto Non rifiutiamoci un libro sospeso, attualmente protagonista di una campagna di crowdfunding sulla piattaforma Produzioni dal Basso, con l’obiettivo di creare un modello da replicare nelle scuole italiane: se si ha una bottiglia di plastica o una lattina da buttare, non si deve fare altro che andare in libreria e consegnarla, ricevendo in cambio un buon libro da leggere.

Delfino, altro avvistamento sul litorale romano: aveva una busta di plastica impigliata alla pinna

Lattine e bottiglie di plastica si accumulano tutti i giorni e spesso, purtroppo, finiscono nei nostri mari, nei boschi o sul ciglio delle strade compromettendo la sopravvivenza di molte specie animali. La sensibilità sul tema si può sviluppare solo grazie all’informazione e alla cultura.

Plastica, proteggiamo il mare. Guardia Costiera e Ministero lanciano #PlasticFreeGC

Anche questa, tuttavia sta conoscendo una grave crisi: il 10% delle famiglie italiane, infatti, non possiede nemmeno un libro a casa e il 28% ne possiede meno di 25.

Contribuendo alla campagna di crowdfunding attiva su Produzioni dal Basso, si potrà replicare questo particolare ‘scambio’ tra rifiuti e libri in molte scuole d’Italia, con il duplice scopo di promuovere il rispetto per l’ambiente e riscoprire l’amore per la lettura.

Plastica, arriva in Sicilia la prima scuola plastic-free

Le bottiglie e le lattine raccolte, inoltre, non saranno buttate via ma riciclate per realizzare librerie, scaffali e contenitori per fioriere. Le donazioni serviranno per acquistare nuovi libri da scambiare con i rifiuti da distribuire nelle scuole primarie e medie inferiori di tutta la Penisola, nonché per la progettazione e la realizzazione degli scaffali e delle fioriere.

(Visited 126 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago