Cultura

CAMICIA DI FORZA E CATENE IN CAMPIDOGLIO PER I QUARANT’ANNI DELLA LEGGE BASAGLIA

Condividi

Legge Basaglia. Camicia di forza e catene in Campidoglio per i quarant’anni della Legge. 180. Il numero della Legge Basaglia.

La Legge che quarant’anni fa portò alla chiusura in Italia (la prima nazione al mondo) delle struttura sanitarie manicomiali.

A quarant’anni dal varo della legge, la Sindaca di Roma Virginia Raggi ha accolto in Capidoglio i ragazzi del Teatro Patologico, un laboratorio artistico di attori affetti da patologie psichiatriche, protagonisti dal 4 al 14 ottobre al Teatro Eliseo di Roma del Festival del Teatro Patologico dal titolo “1978 Legge 180 2018 illusioni sogni speranze”.

Un fitto calendario tra spettacoli, concerti, mostri e convegni.

“Sono molto contenta di avervi di nuovo qui. Se gli impegni dell’agenda non aiutano l’idea è quella di venire con voi per assistere alla vostra rappresentazione a Bruxelles” – ha detto la sindaca di Roma Virginia Raggi – “il Teatro Patologico serve ad integrare le persone nella società – ha poi aggiunto – con un percorso di crescita, è un grandissimo vanto per Roma ospitare una eccellenza come voi. Dovete continuare a lavorare duramente, grazie per tutto l’impegno che ci state mettendo”.

Il direttore artistico della struttura, Dario D’Ambrosi, ha poi voluto mettere in scena (nella sala della Protomoteca) una parte dello spettacolo in cui interpreta un folle che, all’uscita dal manicomio, viene picchiato e legato ad un letto di contenzione e portato via.

E così, come nello spettacolo, il “folle” D’Ambrosi con gli abiti di scena, ha lasciato la Sala della Protomoteca per raggiungere Piazza del Campidoglio dove, tra le facce sgomente dei turisti, correndo intorno alla statua di Marco Aurelio chiedeva “aiuto”.

 

(Visited 207 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago