Breaking News

LE NOTIZIE DEL GIORNO IN PILLOLE

Condividi

Le notizie del giorno in pillole.

AFGHANISTAN: ATTACCO ARMATO ACCADEMIA MILITARE KABUL 
COLPI ESPLOSI VERSO INGRESSO, AREA BLINDATA
Uomini armati hanno attaccato la sede dell’accademia militare di Kabul. Lo riferiscono forze di sicurezza afghane citate dalla France Presse. Secondo quanto riportano i media locali, gli
spari sarebbero stati uditi all’ingresso dell’accademia. Tutte le strade intorno alla struttura sono state chiuse.

RENZI DIFENDE CANDIDATURE MA E’ ANCORA TENSIONE CON MINORANZA
SALVINI, SE SARO’ PREMIER METTERO’ DAZI.CALENDA,’IPOTESI FESSA’
Concluse le liste dei candidati alle elezioni del 4 marzo Matteo Renzi spiega in un post che ‘abbiamo messo in campo la squadra piu’ forte. Abbiamo idee vincenti e convincenti. Abbiamo
restituito al Paese la possibilita’ di provarci, uscendo da una crisi devastante’. E ‘adesso, per 35 giorni, tutti al lavoro per vincere le elezioni. Senza polemica, a viso aperto, con la testa
e con il cuore’. Il leader della Lega intanto lancia nuove idee: se saro’ premier ‘faro’ come Trump: pur di difendere i lavoratori e gli imprenditori italiani, sono pronto a mettere dei dazi a
protezione del Made in Italy’. Ipotesi che il ministro Calenda definisce ‘fessa’.

DOPO TENSIONI SU SHOAH, ISRAELE E POLONIA SI PARLANO
NETANYAHU: CAMBIARE LEGGE.POI TELEFONATA PREMIER, ‘DIALOGO’
Tornano distesi i rapporti tra Israele e Polonia dopo la richiesta del premier Benyamin Netanyahu di cambiare il testo della legge sulla Shoah approvato da Varsavia. Al termine di una
lunga giornata, una telefonata tra Netanyahu e il collega polacco Mateusz Morawiecki ha rasserenato gli animi. I due premier hanno deciso che israeliani e polacchi apriranno “un
immediato dialogo per cercare di raggiungere un’intesa riguardo la legislazione”.

RUSSIA: RILASCIATO OPPOSITORE NAVALNI ‘GRAZIE PER SOSTEGNO’
IERI IN MIGLIAIA IN PIAZZA CONTRO PUTIN ED ELEZIONI “FARSA”
E’ stato rilasciato ieri sera Alexiei Navalni, l’oppositore fermato a Mosca durante una manifestazione antigovernativa da lui stesso organizzata. A dare l’annuncio e’ stato lo stesso
oppositore su Twitter: “Sono stato liberato, grazie a tutti per il sostegno”: In migliaia ieri sono scesi in piazza contro Putin e le “presidenziali farsa” del prossimo marzo. La polizia ha
fermato centinaia di dimostranti, almeno 243 secondo l’ong Ovd-Info.
MALORE IN DIRETTA TV PER MASSIMO GILETTI, PORTATO IN OSPEDALE
PROGRAMMA, “FORTE INFLUENZA”. OGGI DOVREBBE TORNARE A CASA
Massimo Giletti ha accusato un lieve malore ieri sera in diretta televisiva durante “Non e’ l’Arena”. Il giornalista, visibilmente affaticato, si e’ seduto su uno sgabello e poco dopo la trasmissione e’ stata sospesa. Il programma ha precisato che Giletti aveva una forte influenza. Giletti sta passando la notte all’Umberto I di Roma. “Si e’ ripreso e sta meglio”, ha detto ieri il direttore di La7, Andrea Salerno. Oggi dovrebbe rientrare a casa.
CALCIO: ROMA KO IN CASA CON LA SAMP, ORA E’ CRISI
IL TECNICO DI FRANCESCO, MOLTE COSE NON GIRANO
La Roma perde in casa per 1-0 il posticipo serale della 22/ma giornata di serie A contro la Sampdoria ed entra in crisi. I giallorossi sono a corto di vittorie da 42 giorni e vedono allontanarsi sempre piu’ la zona Champions. “In questo momento non ci stanno girando bene molte cose – si difende il tecnico, Eusebio Di Francesco -. E’ un momento negativo in cui sbagliamo tutto”.

(ANSA).

(Visited 74 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago