Breaking News

LE NOTIZIE DEL GIORNO IN PILLOLE

Condividi

Le notizie del giorno in pillole.

MAFIA: MAXI BLITZ NELL’AGRIGENTINO, 56 ARRESTI. ANCHE SINDACO
DISARTICOLATI I “MANDAMENTI” DI SANTA ELISABETTA E SCIACCA
I carabinieri del comando provinciale di Agrigento, su disposizione della dda di Palermo, hanno eseguito l’arresto di 56 tra boss e gregari dei mandamenti di Cosa nostra agrigentina.
Tra gli arrestati, anche il sindaco di San Biagio Platani, Santino Sabella, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. L’inchiesta ha disarticolato i “mandamenti” di Santa
Elisabetta e Sciacca e colpito 16 “famiglie” mafiose. Coinvolti uomini d’onore anche delle province di Caltanissetta, Palermo, Enna, Ragusa e Catania.

DI MAIO LANCIA PROGRAMMA M5S. GENTILONI, ‘NON HANNO I NUMERI’
BERLUSCONI TORNA A BRUXELLES E INCONTRA VERTICI EUROPEI
Luigi Di Maio presenta il programma M5s: Si’ all’euro, giu’ le tasse, smart Nation, reddito e pensione di cittadinanza. Via 400 leggi tra cui Buona Scuola e Fornero. ‘Non hanno i numeri’,
smorza Gentiloni. D’Alema tende la mano ai grillini: ‘E’ peggio la deriva neofascista della Lega’. Intanto Berlusconi torna a Bruxelles, in agenda incontri con il presidente della commissione Ue Junker, il presidente del Parlamento Tajani e il responsabile dei negoziati sulla Brexit, Barnie.

SHUTDOWN: NESSUN ACCORDO AL SENATO USA, VOTO RINVIATO 
TERZO GIORNO ‘CHIUSURA’ GOVERNO. VIA A DAVOS, TRUMP IN FORSE
Il Senato degli Stati Uniti votera’ a mezzogiorno ora di Washington (le sei del pomeriggio in Italia) nel tentativo di revocare lo shutdown, la chiusura dell’amministrazione federale scattata alla mezzanotte di sabato. Un voto procedurale era atteso nella notte americana, ma i colloqui fra democratici e repubblicani non hanno al momento portato ad un accordo. Lo stop del Senato rischia di impedire a Trump di partecipare ai lavori del World Economic Forum di Davos che inizia oggi.

MO: ABU MAZEN CHIEDERA’ A UE RICONOSCIMENTO PALESTINA
IN RISPOSTA ALLA DECISIONE USA SU GERUSALEMME CAPITALE
Abu Mazen chiedera’ all’Ue di riconoscere ufficialmente lo Stato di Palestina, nel corso della sua visita odierna a Bruxelles. Il presidente palestinese, “si aspetta che i ministri degli esteri
europei riconoscano collettivamente lo stato di Palestina”, in risposta alla decisione Usa su Gerusalemme capitale di Israele. “Se gli europei vogliono avere un ruolo – ha fatto sapere –
allora devono essere equilibrati nel trattamento delle parti”.

PAPA SI CONGEDA DA PERU’: “TERRA DI SPERANZA, SIATE UNITI” 
ALLA MESSA A LIMA 1,3 MILIONI PERSONE. OGGI IL RIENTRO
Un milione e 300mila persone hanno assistito alla messa celebrata da papa Francesco nella base aerea militare di Las Palmas a Lima, in Peru’. “Questa e’ una terra di speranza” ha detto il pontefice, invitando il popolo peruviano ad essere unito. Successivamente, Francesco si e’ imbarcato sull’aereo che lo sta riportando a casa: l’arrivo a Roma-Ciampino alle 14.15 .

MALTEMPO: CHIUSI TRAFORO BIANCO E STRADA CERVINIA
ISOLATA LIVIGNO. MORTI E FERITI IN INCIDENTI IN MONTAGNA
Neve, ghiaccio e vento hanno provocato una serie di incidenti in montagna e non solo, con alcune vittime e diversi feriti, tra sciatori ed escursionisti. Centinaia di turisti sono bloccati in
Val Senales perche’ la strada d’accesso e’ stata chiusa per pericolo valanghe. Chiusi anche il traforo del Monte Bianco, la strada per Cervinia e quella per Livigno.

INTER-ROMA PARI A SAN SIRO NEL PRIMO SPAREGGIO CHAMPIONS
COLPO DEL NAPOLI A BERGAMO, OGGI LA JUVE OSPITA IL GENOA
Pari a San Siro il primo spareggio Champions tra Inter e Roma, con Vecino che risponde a El Shaarawy. A Bergamo, colpo del Napoli che con l’1-0 resta primo in classifica. Nette le
vittorie di Lazio (5-1 al Chievo), Samp (3-1 alla Fiorentina), Bologna (3-0 al Benevento) e Crotone, 3-0 a Verona sull’Hellas. 1-1 Sassuolo-Torino e Udinese-Spal. Il Milan risorge a Cagliari,
2-1 ai sardi. Stasera la Juve ospita il Genoa allo Stadium.

(Visited 122 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago