Breaking News

LE NOTIZIE DEL GIORNO IN PILLOLE

Condividi

Le notizie del giorno in pillole.

DONNA APRE IL FUOCO NELLA SEDE YOUTUBE, POI SI TOGLIE LA VITA
4 FERITI, UNO IN CONDIZIONI CRITICHE

Una donna ha aperto il fuoco nella sede di Youtube, in California, ferendo 4 persone, e si e’ poi suicidata. Il panico e’ scattato nel primo pomeriggio di ieri (ora locale), immediato
l’intervento della polizia che ha evacuato e perquisito la struttura. Sembra che si sia trattato di una disputa domestica e che l’autrice della sparatoria conoscesse almeno una delle persone ferite. I feriti da colpi di arma da fuoco sono tre e uno di loro, un uomo di 36 anni le cui condizioni sono giudicate critiche. Una quarta persona e’ stata ricoverata in ospedale con una caviglia slogata. Google, casa madre di Youtube, sta collaborando con le indagini della polizia.

DI MAIO E IL ‘CONTRATTO DI GOVERNO’, MA SOLO CON LEGA O PD
C’E’ ANCHE IL CONFLITTO DI INTERESSI. I DEM CHIUDONO

Alla vigilia del via alle consultazioni al Quirinale, arriva la mossa di Di Maio che propone, come candidato premier, un ‘contratto di governo’: si’ alla Lega e al Pd (considerato ‘primo
interlocutore’ ma senza Renzi) – che sono alla pari, chiariscono fonti del M5s dopo l’intervento di Di Maio su La7 a Di Martedi’, non c’e’ alcun primo interlocutore -, no a Forza Italia (con
Berlusconi). Lega e Pd alla pari, chiariscono fonti del M5s dopo l’intervento di Di Maio su La7 a Di Martedi’, non c’e’ alcun primo interlocutore. Immediato il no dei Dem: ‘Irricevibile’. Fi e’
‘indisponibile’, dice Gelmini. E Salvini: dialogo ma senza subire veti. Gli incontri di Mattarella partono domani con i presidenti di Senato e Camera, poi il suo predecessore Napolitano, quindi le delegazioni dei partiti alle quali, fa sapere il Quirinale, chiedera’ ‘proposte, indicazioni e programmi
per dare al paese un governo all’altezza’. Giovedi’ i big.

TRUMP PROPONE DAZI SU MERCI CINA PER 50 MILIARDI DI DOLLARI
PECHINO RISPONDE, MISURE DI PARI FORZA CONTRO USA

L’amministrazione Trump ha proposto dazi del 25% sulle importazioni di merci cinesi per un valore di 50 miliardi di dollari. L’Ufficio per il commercio americano ha pubblicato un elenco di 1.300 prodotti cinesi, inclusi robot industriali e attrezzature per le telecomunicazioni. La misura e’ stata
proposta per la presunta violazione della proprieta’ intellettuale americana da parte di Pechino. Immediata la risposta del ministero del Commercio cinese che “condanna con forza e si oppone fermamente” ai nuovi dazi proposti dagli Usa. “Prepareremo misure uguali per i prodotti americani sulla stessa scala” in linea con le normative cinesi sul commercio, ha affermato un portavoce del ministero.

ISRAELE ANNULLA L’ACCORDO SUI MIGRANTI. L’ONU, RIPENSATECI
BARDONECCHIA, PRIMI INTERROGATORI. INDAGINE INTERNA FRANCESE

Il premier israeliano Netanyahu ha deciso di annullare l’accordo con l’Unhcr sui migranti africani in Israele, sottolineando la volonta’ di ‘continuare ad agire per far uscire gli infiltrati
dal Paese’. L’Onu chiede di ‘riconsiderare’ la decisione per trovare ‘un accordo vantaggioso per tutti’. Il Governo Usa chiedera’ ai giudici dell’immigrazione di espellere almeno 700 clandestini l’anno. A Torino primi interrogatori nell’inchiesta sul blitz di agenti francesi contro la Ong di Bardonecchia. Gli autori dell’operazione non sono stati ancora identificati. La Francia non si scusera’ ma avvia un’indagine interna.

UN GUASTO TECNICO MANDA IN TILT IL TRAFFICO AEREO EUROPEO
EUROCONTROL, RITARDO PER 50% VOLI. ENAC, IN ITALIA REGOLARI

Un problema tecnico a Eurocontrol ha mandato in tilt il traffico aereo in tutta Europa, con ritardi per circa il 50% dei voli. Lo ha riferito la stessa agenzia. Il problema riguarda l’Enhanced
Tactical Flow Management System, che si prende cura dei voli europei. Immediatamente avviate le ‘procedure di emergenza’ che hanno ridotto la capacita’ della rete continentale e provocato
disagi a ‘circa la meta’ dei 29.500 voli programmati oggi’. Eurocontrol si e’ scusata ma ha ribadito che ‘la sicurezza e’ la priorita’, assicurando che la rete tornera’ alla normalita’ ‘nelle
prossime ore’. Enac: in Italia quasi tutto regolare.

MAMMA LICENZIATA, IL GIUDICE DA’ RAGIONE A IKEA
RESPINTO IL RICORSO, L’ATTO ‘NON E’ DISCRIMINATORIO’

Il giudice di Milano ha respinto il ricorso della mamma lavoratrice licenziata da Ikea che riteneva il licenziamento discriminatorio e chiedeva il reintegro e il risarcimento del danno. Per il giudice, i comportamenti dell’ex dipendente sono stati ‘di gravita’ tale da ledere il rapporto fiduciario tra
datore di lavoro e lavoratore e consentono l’adozione del provvedimento disciplinare espulsivo’. Esulta l’azienda: ‘Riconosciuta la verita’ dei fatti’.

E’ MORTO ARRIGO PETACCO, GIORNALISTA E STORICO DEL FASCISMO
AVEVA 89 ANNI, DIRETTORE DELLA NAZIONE E DI STORIA ILLUSTRATA

E’ morto a 89 anni nella sua casa di Porto Venere, in provincia di La Spezia. Arrigo Petacco. Giornalista, saggista, sceneggiatore e storico italiano e’ stato tra l’altro direttore  de La Nazione di Firenze e del mensile Storia Illustrata. Il suo ultimo lavoro ‘Caporetto’, scritto insieme all’ex giornalista de L’Unita’ Marco Ferrari, e’ uscito pochi mesi fa.

UN SUPER-RONALDO AFFONDA LA JUVENTUS ALLO STADIUM
DOPPIETA DI CR7 E GOL DI MARCELO, FINISCE 0-3

Juve dominata, colpite anche due traverse, due parate importanti di Buffon, Dybala espulso nel secondo tempo. Lo stadio di Torino applaude Ronaldo.

(ANSA).

(Visited 91 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago