AttualitàPoliticaRoma

Lazio, primo no della Regione al maxi impianto fotovoltaico di Tragliata

Condividi

Primo no al maxi impianto fotovoltaico di Tragliata, nel Comune di Fiumicino. La decisione arriva dalla Commissione regionale per la Valutazione d’impatto ambientale del Lazio.

Primo no al maxi impianto fotovoltaico progettato a Tragliata, nel Comune di Fiumicino. La decisione arriva dalla Commissione regionale per la Valutazione d’impatto ambientale del Lazio. Lo rende noto la Rete art.136 Ambiente e Paesaggio, che comprende una trentina di comitati, associazioni ambientaliste e Pro Loco del territorio tra Fiumicino e Cerveteri.

Inquinamento, un terzo dei Paesi del mondo non ha standard di qualità dell’aria esterna obbligatori per legge

Primo, importante no al mega impianto fotovoltaico a Tragliata. Le lotte condotte in questi ultimi anni per salvaguardare il territorio stanno dando dei risultati positivi; l’ultima in ordine di tempo è il parere negativo espresso dalla Commissione regionale Via sul mega impianto localizzato in violazione di quanto previsto dal Prpr” – si legge in un comunicato dell’associazione di comitati e movimenti – “La Commissione ha tenuto conto dei diversi pareri negativi espressi da vari enti tra cui il Mibact ed il Comune di Fiumicino, a cui si è aggiunta la Direzione regionale competente preannunciando il proprio parere negativo alla realizzazione del mega impianto fotovoltaico che sarebbe sorto presso il Castellaccio in località Tragliata. L’impianto che volevano realizzare era di una potenza di 8014.44 kWp ed avrebbe occupato circa 20 ettari di terreno agricolo gravato da vari vincoli“.

Roma, moria di pesci nel Tevere: gli ultimi sviluppi. Bonelli attacca Virginia Raggi: “Indecente scaricabarile”

A questo punto, la società realizzatrice dell’impianto, dopo il parere negativo della Commissione regionale, ha chiesto 180 giorni di sospensiva per individuare una nuova area.

(Visited 41 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago