Nasce ufficialmente il Consorzio industriale del Lazio. Si tratta del più grande d’Italia e racchiude tutti i cinque Consorzi industriali provinciali (Roma, Viterbo, Rieti, Frosinone e Latina).

Nasce ufficialmente il Consorzio industriale del Lazio: si tratta del più grande d’Italia e racchiude tutti i cinque Consorzi provinciali della Regione. L’obiettivo è quello di favorire sviluppo, occupazione e attrazione di investimenti. L’atto notarile di questa mattina ufficializza la nascita del Consorzio, voluta fortemente dal presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. “L’ente sarà efficiente per le imprese che insistono su diversi agglomerati industriali, avrà sede a Roma ma manterrà anche tutte le strutture provinciali per una maggiore operatività”, si legge in un comunicato.

 

Il presidente del Consorzio industriale regionale del Lazio sarà Francesco De Angelis, già eurodeputato, assessore regionale alle Pmi e da sei anni alla guida del Consorzio provinciale di Frosinone. Nel cda ci sono invece Salvatore Forte, Cosimo Peduto, Angelo Giovanni Ientile e Maurizio Tarquini. All’atto notarile ha partecipato anche l’assessore regionale alle Attività produttive, Paolo Orneli. Il neonato Consorzio sarà un organismo intermedio delle risorse regionali, comunitarie e del Pnrr, ma ricercherà anche investitori nazionali ed esteri, promuoverà la riqualificazione delle aree industriali dismesse, la logistica e la valorizzazione dell’ambiente.

Comunità energetiche, il piano del Lazio. L’assessora Lombardi: “Fondi e progetti per sostenere i territori”

Nel comunicato che segue l’atto formale di nascita del Consorzio viene spiegato che “sarà inoltre utile, in un’ottica di cooperazione, per la realizzazione di opere relative alla fornitura di servizi necessari all’insediamento, allo sviluppo, alla riqualificazione ed alla riconversione delle imprese, oltre che un sostegno alla diffusione di reti di telecomunicazione e di servizi telematici alle imprese che operano in zone che hanno un divario digitale rispetto agli obiettivi europei. Senza dimenticare l’altra opportunità di essere strumento di promozione per la costituzione di Aree produttive ecologicamente attrezzate. Il Consorzio unico contribuirà inoltre allo sviluppo di sinergie di tipo distrettuale, con la valorizzazione delle competenze imprenditoriali e scientifiche del territorio, oltre ad erogare servizi ad alto valore aggiunto per le imprese“.

Eolico offshore, il Lazio pronto a partire da Civitavecchia. L’assessora Lombardi: “Tecnologia strategica per il futuro”

Tra i compiti del Consorzio anche l’aiuto alle imprese per quanto riguarda la formazione, lo sviluppo tecnologico, la certificazione di qualità, la gestione di incentivi e contributi. “Si parte per una nuova sfida che aiuterà le imprese e il territorio. Saremo più grandi e più forti e in sintonia con i processi di innovazione oggi necessari per consentire alle nostre imprese di vincere la sfida del mercato” – ha spiegato Francesco De Angelis – “Grazie al presidente Nicola Zingaretti, che ha fortemente voluto questo processo di riforma e di cambiamento. Grazie al vicepresidente Daniele Leodori, all’ex capo di Gabinetto della Regione Albino Ruberti e all’assessore Paolo Orneli, che in questi anni hanno sostenuto con forza e decisione questo progetto. Decisivo è stato anche il sostegno delle Camere di Commercio, delle associazioni di categoria, dei Comuni e dei soci dei cinque consorzi. È una sfida per la crescita di questo territorio, delle imprese e delle persone che lo abitano. Una sfida che siamo pronti a vincere“.

Articolo precedenteIam Learning Network, presentata la ricerca “Inflazione e investimenti: impatto su economia reale e investitori istituzionali” di Alessandra Ghisleri
Articolo successivoUn albero come regalo di Natale, la nuova campagna di Treedom