Roma e Dintorni

Lanuvio, al via il Festival della Maza, antica focacce di farro, orzo, ceci e fave

Condividi

Sabato 27 e domenica 28 Luglio a Lanuvio (RM) si terrà il Festival della Maza, ideato dall’Assessorato alla Cultura e Turismo del Comune di Lanuvio e da Benedetta Rizzo. L’evento, giunto alla seconda edizione, intende celebrare la Maza, una focaccia salata senza lievito che anticamente veniva offerta al Serpente della dea protettrice Giunone Sospita e che in tempi recenti è stata anche presentata al Salone del Gusto di Torino.

Nel corso delle due giornate, che si terranno nella magnifica area del Parco della Rimembranza e di Villa Sforza, gli organizzatori si propongono di promuovere e valorizzare la conoscenza storica, archeologica e gastronomica della città di Lanuvio attraverso l’organizzazione di eventi, spettacoli, laboratori, degustazioni e iniziative culturali. Tutto ciò grazie al coinvolgimento delle Istituzioni, di alcune attività di ristorazione del territorio dei Castelli Romani e del Cilento, una Terra da tempo impegnata a valorizzare il proprio pane e la propria pizza.

Aiutaci a rendere la spiaggia più pulita: in cambio ti offriamo una birra!

Fermento, Festival delle Birre Artigianali del Lazio. Tutto il programma

All’interno del Festival saranno presenti il Parco Archeologico di Paestum e il Museo Nazionale di Napoli. Nel pomeriggio di Domenica ANCI Lazio presenterà inoltre il progetto “Origine Comune” sulla denominazione De.Co. dei prodotti, un programma che mira a valorizzare comunità e storia, per rilanciare e incentivare il turismo.

Mostre, l’arte del riciclo. A Roma i quadri di Jane Perkins

PROGRAMMA COMPLETO

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago