Attualità

LAMPEDUSA PLASTIC FREE, UN’AZIONE CONCRETA PER LA TUTELA DELL’AMBIENTE

Condividi

Lampedusa plastic free. Come previsto  l’ordinanza sindacale dello scorso 2 luglio,dal 1 settembre è scattato il divieto di  vendere e utilizzare di stoviglie, bicchieri e posate monouso non biodegradabili sull’isola.

“È una data storica per Lampedusa – dice il sindaco Salvatore Martello – inizia un nuovo percorso di tutela dell’ambiente e dei nostri mari. Ringrazio tutti coloro che si stanno impegnando in questa direzione e faccio appello affinché i cittadini diano il massimo per tenere pulito e vivo il nostro territorio”.

Nell’ambito dell’iniziativa “Liberiamo Lampedusa dalla plastica” promossa dall’amministrazione comunale, è stata presentata al Molo Favaloro l’adesione dei principali supermercati dell’isola, che hanno tolto dagli scaffali e destinato al riciclo tutto il materiale plastico finora in vendita.

Lampedusa è stata la prima isola ad aderire alla campagna lanciata da Marevivo  #Ecocannucce.

“Siamo molto contenti che Lampedusa  e Linosa siano diventate isole plastic free. Con Marevivo Delegazione Sicilia e le sigle aderenti – spiega Fabio Galluzzo, Vice Presidente di Marevivo – è stato possibile ottenere le prime adesioni a livello locale per eliminare l’uso delle cannucce di plastica. Per l’appello #StopSingleUsePlastic puntiamo soprattutto a coinvolgere le isole minori, realtà molto più piccole dove è più semplice sensibilizzare i cittadini, dove la gestione dei rifiuti è complessa ed è necessario difendere il mare dalla plastica. Ci auguriamo presto di raggiungere tutte le altre isole».

Link utili:  

https://www.teleambiente.it/stop-cannucce-plastica-monouso-campagna-marevivo-italia/

https://www.teleambiente.it/ocean-cleanup-plastica-debutto-8-settembre-2018/

(Visited 156 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago