AttualitàInquinamento

Terra dei fuochi, scoperto un lago di rifiuti tossici in un cava VIDEO

Condividi

Scoperto un lago di rifiuti tossici nella Terra dei Fuochi, a San Felice a Cancello nel Casertano. All’interno di una cava di 5mila metri quadrati dismessa da anni sono stati trovati plastica, elettrodomestici e carcasse d’auto.

La Terra dei Fuochi continua a bruciare. 12 incendi in 48 ore

E’ un vero e proprio lago di rifiuti quello scoperto dai vigili del fuoco a San Felice a Cancello, nel Casertano, all’interno di una cava dismessa da anni. Sacchetti, tanta plastica, ingombranti come elettrodomestici, carcasse d’auto, galleggiano sulla superficie, segno che il bacino è stato usato come sversatoio abusivo.

In particolare, i pompieri stanno scandagliando con i gommoni un bacino d’acqua sotterraneo, a una decina di metri di profondità dalla superficie della cava (denominata Cava Giglio). In azione anche i sub, che con una telecamera stanno controllando il fondale, dove sarebbero stati gettati rifiuti.

Rifiuti, sequestrata discarica abusiva sulla spiaggia a Milazzo

Il laghetto è situato circa dieci metri in basso rispetto alla superficie della cava. L’operazione è stata ordinata dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, che ha iniziato ad indagare, delegando la Polizia Metropolitana di Napoli, in seguito ad una denuncia.

Rifiuti, in 10 anni la Regione Abruzzo è diventata una piccola ‘terra dei fuochi’

Accertamenti in corso anche sulla proprietà della cava, ovviamente sequestrata, come l’invaso e numerosi mezzi adibiti probabilmente al trasporto di rifiuti. Le analisi delle acque si stanno svolgendo in collaborazione con l’ARPAC per verificare eventuali presenze di sostanze tossiche, la loro provenienza ed eventuali infiltrazioni nella falda acquifera.

(Visited 898 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago