Se riescono a sopravvivere, non possono tornare in natura o essere ospitati negli zoo. Per questo, nasce il rifugio che dà loro l’unica possibilità di una nuova vita.

Un rifugio per ospitare e proteggere gli animali catturati dai trafficanti e poi liberati. Si chiama La Reserva ed è un santuario di animali situato in Colombia, a circa 30 chilometri dalla capitale Bogotá. Con un totale di 20,5 ettari, questo rifugio riproduce sette dei 50 ecosistemi tipici del Paese, dalla foresta umida fino ai boschi freddi degli altipiani andini.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Bioparque La Reserva (@bioparquelareserva)

A crearlo, nel 2008, è stato un gruppo di ricercatori, guidati da Iván Lozano. Lo scopo è quello di contrastare il mercato clandestino di animali e di salvare tutti quelli che vengono liberati.

Colombia, gli indios contro la Coca-Cola: pronti al boicottaggio, cosa sta succedendo

La Reserva è anche un importante fattoria didattica, dove ogni giorno studenti e insegnanti vengono in visita per scoprire tutto ciò che c’è da sapere sugli animali: dalle abitudini all’adattamento, passando per la loro importanza all’interno degli ecosistemi.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Bioparque La Reserva (@bioparquelareserva)

Con gli anni, questo santuario ha iniziato a collaborare con i nuclei specializzati della polizia di frontiera colombiana, che ogni giorno contrastano il traffico di fauna selvatica. Con la grande domanda di animali selvatici ed esotici, il mercato è ricchissimo e gestito da criminali senza scrupoli, che non si fanno problemi ad uccidere chiunque si opponga al loro business.

Colombia choc, ucciso un giovane ambientalista: Breiner David aveva solo 14 anni

La gestione degli animali selvatici è decisamente problematica. La cattura è relativamente semplice, ma poi vanno trasferiti di nascosto passando le frontiere: occorre sedarli e nasconderli in contenitori stretti, tenendoli senza cibo, con poca aria, feriti e talvolta moribondi.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Bioparque La Reserva (@bioparquelareserva)

Molti animali non ce la fanno, altri vengono liberati quando occultarli si rivela impossibile. E quando gli animali vengono recuperati, è spesso impossibile reimmetterli in natura o ospitarli negli zoo. Per questo, sono stati ideati dei luoghi come La Reserva, che offre a questi animali l’unica opportunità di una seconda vita.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Bioparque La Reserva (@bioparquelareserva)

Dal 2008 a oggi, sono oltre 250 gli animali strappati al traffico illegale e ospitati a La Reserva. Un modo di contrastare e risolvere un fenomeno in voga in Colombia come all’estero. Nel Paese sudamericano gli animali selvatici vengono utilizzati per riti sciamanici, per essenze o bevande ‘miracolose’, per le pellicce o come semplici mascotte da tenere sotto teche di vetro.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Bioparque La Reserva (@bioparquelareserva)

La maggioranza degli animali sono uccelli, seguiti da mammiferi, rettili, pesci e anfibi. Ma anche uova, con una netta maggioranza desiderosa di cibarsene e poche persone pronte ad attendere la schiusa.
Articolo precedenteAnastasiia Lenna, l’ex miss Ucraina che sui social si schiera con il suo Paese
Articolo successivoI progetti Life Lynx e Lince Italia per la reintroduzione della lince in Italia