In questa nuova puntata di La D Andrea Catizone intervista il magistrato Alfonso Sabella, da sempre in prima linea nella lotta contro le mafie e fonte di ispirazione per la fiction Rai “Il Cacciatore”

Alfonso Sabella inizia la sua carriera come avvocato fino ad entrare poi in magistratura nel 1989. L’incontro con Giovanni Falcone è fondamentale per l’impronta che darà alla sua carriera, portandolo ad impegnarsi sul fronte antimafia. Fino al 1993 lavora presso la procura di Termini Imerese per poi diventare Pubblico Ministero alla procura di Palermo. Nel 1999 è magistrato di collegamento tra il ministero di Giustizia e la commissione parlamentare antimafia. Al G8 di genova, 2001, è capo del servizio ispettivo del DAP, incarico dal quale viene rimosso anni dopo a causa di contrasti. A lui è ispirata la serie di successo di Rai 2 “Il Cacciatore“.

 

Articolo precedenteEtichette alimentari, Italia scrive a Ue: “serve maggiore trasparenza”
Articolo successivoSalute, l’inquinamento ha ridotto l’aspettativa di vita media di tre anni