Territorio

Incendi, centinaia di koala a rischio: habitat devastati dalle fiamme

Condividi

Dopo l’incendio che ha colpito la costa orientale dell’Australia sabato scorso, due koala sono stati salvati ma si teme per le centinaia altri esemplari dell’area il cui habitat è stato devastato dalle fiamme.

Il primo koala, chiamato Corduroy Paul, è stato trovato disidratato tra i boschi devastati dall’incendio a 400 km a nord di Sidney ed è stato portato al Port Macquarie Koala Hospital.

È stato raccolto da terra, raggomitolato come una piccola palla, incapace di muoversi”, racconta Sue Ashton, presidente dell’ospedale. Il piccolo marsupiale pesava circa 5 kg ma è in fase di miglioramento ed è stato raggiunto da una femmina di koala chiamata Anwin, trovata anche lei in stato di disidratazione.

Animali, centinaia di koala a rischio a causa di un incendio in Australia

Le fiamme nei boschi dell’area hanno distrutto migliaia di ettari nelle scorse settimane, incluso una zona densamente popolata di una specie molto rara di koala. Altri quattro sono stati tratti in salvo dopo essere stati visti nei cespugli che circondavano gli incendi.

Incendi, anche l’Australia brucia. La lotta contro il tempo per salvare i koala

Si teme che centinaia di koala siano morti tra le fiamme. La paura è che non solo le fiamme ma anche la disidratazione possa colpire gli animali.Sono giorni che vanno avanti senza acqua o foglie che producono il 65% della loro idratazione” ha detto Sue Ashton.

Koala, un gruppo di volontari lotta per salvarli dall’estinzione: “Non ci arrendiamo”

Sabato pomeriggio l’area del New South Wales era devastata da più di sessanta incendi mentre da mesi l’area è sottoposta ad una forte siccità.

“L’incendio ha colpito direttamente l’habitat dei koala e sono in pochi ad essere sopravvissuti.” – spiega Terry Hill, uno dei pompieri che sta domando l’incendio –Canguri e cervi possono fuggire perché in grado di correre, i koala no”.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago