InquinamentoRifiuti

Plastica, Kleenex ha deciso di rimuoverla da tutte le sue scatole di fazzoletti

Condividi

Kleenex ha promesso di ridurre la plastica dalla propria catena di produzione, a cominciare dall’apertura in plastica delle scatole di fazzoletti, che verrà rimpiazzata con una equivalente in carta.

Kleenex®, una delle marche di fazzoletti più famose del Regno Unito, sta rimuovendo la plastica da tutte le sue scatole di fazzoletti come parte di un impegno più grande per ridurre la quantità di rifiuti di plastica nella propria catena di produzione. L’apertura in plastica, che aiuta ad estrarre i fazzoletti uno alla volta, verrà rimossa da tutte le sue scatole. Tutti i prodotti di Kleenex, tra cui anche le linee Kleenex Balsam e Kleenex Ultra Soft saranno dotati di un’apertura in carta.

 

Indonesia, vietato l’utilizzo di buste di plastica monouso nella capitale

Il cambiamento, che fa parte dell’iniziativa “Every Step Counts”, mira a rendere più facile per i consumatori riciclare questi prodotti, mantenendo la stessa qualità. Il nuovo imballaggio è già apparso nei supermercati ad inizio anno ma sostituirà definitivamente il vecchio ad inizio agosto 2020. Questo cambiamento rimuoverà 82 tonnellate di plastica l’anno dalla catena di produzione di Kleenex. Kleenex inoltre fa parte dell’iniziativa “Plastic Pactdi WRAP UK, che mira a ridurre l’ammontare di rifiuti di plastica prodotta dalle grandi compagnie.

Germania, il governo approva il divieto sui prodotti in plastica monouso

Ori Ben Shai, Vice Presidente & Managing Director di Kimberly-Clark UK, ha spiegato: “Alla Kleenex stiamo facendo dei passi avanti per migliorare l’impronta ambientale dei nostri processi e prodotti. Il lancio di questi nuovi imballaggi è un altro passo per ridurre i rifiuti di plastica e prenderci cura del nostro pianeta. Stiamo rendendo più facile per i nostri consumatori riciclare, nella speranza che possano unirsi a noi in questo viaggio”.

Plastica, la quantità di rifiuti è aumentata durante l’emergenza sanitaria

Kleenex in generale ha promesso di ridurre la plastica, il consumo d’acqua, le emissioni e i rifiuti derivanti dalla propria catena di produzione.

 

(Visited 18 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago