La star italiana di TikTok pubblica un video, nel suo stile, in cui prende posizione sui diritti degli animali.

Khaby Lame e il video con tigri e leoni per la tutela dei diritti degli animali. L’italiano più famoso su TikTok, autore di tantissimi video esilaranti, questa volta affronta con la sua consueta leggerezza un tema decisamente più importante: il diritto degli animali selvatici a vivere nel proprio habitat naturale. L’influencer di Chivasso (Torino) ha pubblicato un video in cui si vedono tigri e leoni costretti a vivere (male) in cattività, negli zoo per il divertimento dei visitatori o nelle lussuose residenze degli sceicchi.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Khaby Lame (@khaby00)

Nello stesso filmato, poi, Khaby Lame apre una porta da cui, con un effetto speciale, si vedono tigri e leoni, decisamente meno a disagio in mezzo alla natura. “Gli animali dovrebbero vivere nel loro habitat naturale“, scrive il ‘tiktoker’ italiano più famoso al mondo (120 milioni di follower su TikTok e quasi 61 milioni su Instagram). La didascalia del video fornisce anche tre hashtag: #learnwithKhaby, #learnwithInstagram e #AnimalRights.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Khaby Lame (@khaby00)

Non è la prima volta che Khaby Lame si espone, anche a costo di risultare impopolare tra alcuni follower, a favore dei diritti degli animali e dell’ambiente. Nello scorso giugno, ad esempio, si era espresso contro l’abbandono dei cani in estate e, due mesi fa, era comparso in un video insieme a Greta Thunberg.

Khaby Lame insieme a Greta Thunberg “per il pianeta”. Ma per il famoso tiktoker insulti e “unfollow”

Non tutti, però, avevano apprezzato l’impegno, ma nonostante questo il ragazzo di Chivasso ha continuato ad approfittare della propria popolarità per veicolare messaggi volti a sensibilizzare il proprio pubblico in tutto il mondo.

Articolo precedenteXylella, in arrivo la squadra di cani in grado di riconoscere il batterio grazie all’olfatto
Articolo successivoIndia, animali maltrattati e scuoiati vivi negli allevamenti intensivi. Il reportage di Animal Equality