AnimaliAttualità

Kenya, tornano gli sciami di locuste devastando pascoli e raccolti dei villaggi

Condividi

Come successo negli anni precedenti in Kenya, sciami di locuste provenienti dal deserto stanno devastando i pascoli e i raccolti dei villaggi orientali con lo sgomento e la paura degli abitanti che stanno testimoniando i fatti.

La piaga delle locuste ha mostrato un aumento verso la fine del 2019, in seguito alle alterazioni atmosferiche e meteorologiche dovute ai cambiamenti climatici, disperdendosi verso lo Yemen e lasciando forti danni in particolare in Kenya, Somalia ed Etiopia.

In Kenya arrivano molti sciami e stanno aumentando ogni giorno; si propagano da ovest verso le zone centrali  e settentrionali” come ha dichiarato la FAO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura) .

Africa, milioni di persone rischiano la fame a causa dell’invasione di locuste

Le contee colpite fino ad ora sono sette e gli sciami sono in aumento. Gli abitanti dei villaggi sono costretti ad adottare misure drastiche e ogni tipo di strategia; alcuni contadini per esempio provano ad attirare gli sciami su di loro con bastoni e taniche così da poter liberare i raccolti.

 

India, raccolti distrutti dalla peggior invasione di locuste degli ultimi 30 anni

Le locuste stanno raggiungendo anche Marsabit, un centro abitato del Kenya. “La prima ondata ha attraversato tutta la città, sono accorsi in molti per vedere, ma c’era anche tanta paura” ha detto Ilias Iman Abdulkadir, funzionario del Catholic Relief Services.

Nel Corno d’Africa continuano le operazioni di controllo sia aeree che via terra per monitorare gli spostamenti delle tramogge” ha aggiunto la FAO.

Di Francesco De Simoni

(Visited 14 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago