AnimaliAttualità

Kenya, pochi turisti a causa del Covid. Nascita record di 140 elefanti

Condividi

Kenya. Sono 140 i cuccioli di elefanti nati nel Parco Nazionale di Amboseli, in Kenya, dall’inizio della pandemia di Covid-19.

A dare l’annuncio alla Bbc del boom di nascite è stato Winnie Kiiryu della Fondazione per la protezione degli elefanti, attribuendo questo straordinario avvenimento all’assenza di turisti nel parco per il lockdown e la chiusura degli spazi aerei.

I cambiamenti climatici potrebbero causare l’estinzione degli orsi polari entro il 2100

Quando il parco è aperto, gli elefanti vengono distratti dall’alto numero di visitatori che cercano di avvicinarli, e questo fa si che procreino di meno.

Ma per Kiiryu, il boom di nascite, tra cui due coppie di gemellini, non è dovuto solo all’assenza di turisti ma anche grazie all’ottima stagione delle piogge che ha aumentato le risorse alimentari a disposizione.

“Questa situazione dovrebbe essere una spinta a diversificare le nostre attività e garantire alle comunità che dipendono dalla natura la possibilità di avere altri guadagni nonostante il fermo turismo” – ha detto Kiiryu.

Mediterraneo, arrivano i Ris del mare: sui traghetti a caccia di DNA

Il Parco nazionale di Amboseli è una area naturale protetta istituita nel 1974 che si trova nel Kenya meridionale, a circa 240 km a sud di Nairobi e per l’ambiente e la locale popolazione di elefanti la notizia rappresenta il rovescio positivo della medaglia, mentre il Kenya e molti altri Paesi, non solo in Africa, vedono le proprie economie in crisi anche per il crollo del turismo.

(Visited 194 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago