Animali

Kenya, i fenicotteri rosa ritornano sul lago Nakuru dopo otto anni

Condividi

I fenicotteri rosa, a lungo scomparsi, tornano sul lago Nakuru in Kenya. Da sempre è considerato il paradiso di questi splendidi animali e il miglior posto dove poterli ammirare.

Otto anni fa, l’innalzamento del livello dell’acqua nel lago Nakuru in Kenya aveva allontanato i fenicotteri rosa, una delle più grandi attrazione del Nakuru National Park: da allora, come affermano i ranger, c’è stato un drastico calo del numero di visitatori.

Animali, migliaia di fenicotteri dipingono di rosa le acque di una Mumbai in quarantena VIDEO

Ma adesso sono tornati. Stormi di fenicotteri hanno cercato cibo nelle acque turchesi del lago: “Con l’aumento del numero di fenicotteri abbiamo iniziato a vedere aumentare anche i visitatori“, ha detto a Reuters Caroline Mwebia, responsabile del turismo del parco.

I fenicotteri mangiano larve di insetti e alghe che danno loro la loro tonalità rosa. Livelli d’acqua elevati riducono i terreni di riproduzione e l’alimentazione ideale degli uccelli. Quando ci fu l’innalzamento  dell’acqua nel lago Nakuru  la prima volta, i fenicotteri partirono per laghi vicini, come Bogoria e Baringo in cuie le cui acque erano più basse.

Kenya, pochi turisti a causa del Covid. Nascita record di 140 elefanti

Ma le forti piogge degli ultimi anni hanno allagato anche quei laghi, costringendo gli uccelli a tornare a Nakuru, dove sono un’attrazione così ricercata che la strada che sale al parco è decorata con lampioni a forma di fenicottero. Speriamo però che il turismo non renda il ritorno dei fenicotteri troppo turbolento: si possono ammirare senza interagire con loro e senza invadere il loro habitat.

(Visited 21 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago